Dopo lo sfogo di Antonio Conte ieri sera al termine di Juventus – Parma, in molti tra dirigenti e giornalisti hanno “risposto” all’allenatore salentino giudicando le sue dichiarazioni fuori luogo. Gli unici che invece non hanno replicato sono i vertici dell’Aia e della Figc che fino a questo momento non hanno ancora commentato in alcun modo le insinuazioni di Conte, che ieri ha chiesto parità di trattamento per la sua squadra come per tutte le altre 19 partecipanti alla Serie A. Il primo ad attaccare Conte e la Juve è stato Mario Sconcerti dalle colonne del Corriere della Sera:

“La denuncia di Conte è ingiustificata. Da osservatore del campionato non ho visto una Juventus penalizzata, altrimenti non so cosa dovrebbero dire altre squadre. Non posso sentire una lamentela del genere, anche perchè ci sono interventi al limite e l’arbitro deve giudicare in quel momento. Io non parlo mai dell’arbitro ma bisogna capire se Conte parla di malafede o meno. A volte ci sono episodi a favore, come contro il Cagliari ad esempio, e altre volte l’arbitro può decidere in un altro modo. Ma è nel complesso che non vedo una Juventus vittima degli arbitri, come dice Conte. La Juventus è diventata squadra. Con il collettivo può colmare il divario tecnico che c’è con il Milan. In questo momento credo che si sia capito che mancano i gol degli attaccanti, in particolare di Vucinic. Se i rossoneri decidono le gare con le invenzioni dei singoli, i bianconeri devono sempre giocare al massimo. Io preferisco parlare di questi argomenti, piuttosto che dell’arbitro”.

Dopo è stato il turno dell’amministratore delegato del Catania, Pietro Lo Monaco:

“Conte di professione fa l’allenatore e non certo il dirigente. Sono dichiarazioni fuori luogo e che non hanno motivo di esistere soprattutto se si impersona un ruolo che non hai. Noi dirigenti dovremmo avere comportamenti che non aizzano gli animi di chi segue questo nostro mondo un po’ sbrindellato. Io credo che le decisioni arbitrali vanno accettate così come sono. Fino a una settimana fa si parlava di una classe arbitrale buona e improvvisamente per una decisione opinabile si tirano fuori tutte queste storie? Non c’è né Calciopoli né altro. Conte doveva evitare uno sfogo del genere”.

Anche il procuratore di calciatori Carlo Pallavicino su Twitter ha criticato aspramente la Juve ed ha fatto arrabbiare i suoi tifosi:

“In coda al casello di Parma circondato da sciarpe bianconere… Amici juventini vi capisco perfettamente: sapeste in 40 anni quante volte gli altri hanno vissuto questi dopogara… Perché non godersi questa bellissima #Juve di #Conte e basta? Recriminare sugli arbitri non é mestiere per juventini”

La Juventus invece questa sera ha emesso un comunicato ufficiale sostenendo tutti i tesserati che hanno parlato nel post-partita:

“Juventus Football Club ribadisce e sostiene quanto dichiarato dall’allenatore Antonio Conte, dal consigliere Pavel Nedved e da Andrea Pirlo al termine dell’incontro. La società si augura che la parità di trattamento, che sta perseguendo e perseguirà in ogni sede, venga applicata sempre in conformità con le regole del giuoco del calcio e della giustizia sportiva e ordinaria”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

antonio conte Juventus notizie opinioni

ultimo aggiornamento: 16-02-2012


Viareggio Cup 2012, risultati dei quarti di finale: Fiorentina – Roma e Juventus – Parma le semifinali

Reclamo del Manchester City per i cori razzisti dei tifosi del Porto