Due giorni fa si è giocato in un clima surreale lo spareggio per non retrocedere in Lega Pro Seconda Divisione tra Ravenna e Sudtirol. I romagnoli sono al centro del caso calcioscommesse con l’ex direttore sportivo Giorgio Buffone accusato di far parte dell’associazione a delinquere che lavorava per falsare alcune partite dei campionati professionistici con lo scopo incassare soldi dalle scommesse sportive.

Lo stadio di Ravenna infatti era quasi completamente deserto perché i tifosi hanno deciso di non stare vicini alla squadra dopo lo scoppiò del caso. Alla fine i romagnoli si sono anche salvati battendo in casa 2-1 il Sudtirol dopo aver perso 1-0 la gara dell’andata il 29 maggio scorso. Agli altoatesini meglio posizionati in regular season, bastava un pareggio per mantenere la categoria e fino al 94′ minuto ci stavano riuscendo difendendo il punteggio di 1-1.

Proprio quando sul cronometro mancavano meno di 10 secondi il portiere degli ospiti Davide Zomer ha perso la testa colpendo con una spallata un attaccante del Ravenna che aveva tentato di scalciarlo mentre lui era uscito in presa bassa. Un gesto di follia che è costato caro alla sua squadra perché l’arbitro l’ha espulso ed ha assegnato un calcio di rigore per il Ravenna che è stato trasformato da Chianese. Il gol nel finale ha consentito così ai romagnoli di restare in prima divisione. In attesa delle decisioni della giustizia sportiva il Ravenna si è salvato sul campo grazie ad un grande colpo di fortuna.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

calcioscommesse curiosità calcio Lega Pro notizie personaggi

ultimo aggiornamento: 07-06-2011


Scandalo Calcioscommesse: così gli “zingari” truccavano i campionati

Calciomercato Inter: Tutte le notizie e le voci di oggi – 6 Giugno 2011