Nella giornata di ieri è stato caricato su Youtube un video inedito riguardante l’amichevole Ucraina – Italia 0-2 di martedì scorso. Il filmato però non si riferisce ai fatti accaduti sul terreno di gioco come i gol di Giuseppe Rossi ed Alessandro Matri, bensì a quanto successo sugli spalti. Un gruppo di ultras di estrema destra dell’Ucraina ha offerto un pessimo spettacolo esponendo simboli nazisti come quello della 2ª divisione panzer SS “Das Reich“, bruciando un paio di bandiere dell’Italia, ma soprattutto scendendo indisturbati sulla pista d’atletica con il volto coperto dai passamontagna cercando lo scontro contro i rassegnati steward, per finire poi con una bella scazzottata con gli altri tifosi presenti in curva.

La situazione è decisamente preoccupante, in modo particolare perché in questa circostanza le forze dell’ordine hanno dimostrato di non essere per nulla in grado di tenere sotto controllo le intemperanze dei propri tifosi, figuriamoci come si comporteranno quando in Ucraina arriveranno tutte insieme le altre tifoserie calde d’Europa. Se a queste considerazioni sull’ordine pubblico ci aggiungiamo poi che i cantieri dei nuovi stadi sono ancora in alto mare perché sono stati sforati ampiamente, in alcuni casi sono più che raddoppiati, i preventivi di spesa iniziale, ed al momento non c’è la copertura per finire i lavori, il quadro diventa veramente allarmante.

E’ questo il paese che tra poco più di un anno dovrebbe ospitare gli europei del 2012?

Foto Ultras


Foto Ultras

Foto Ultras
Foto Ultras

Foto Ultras

Foto Ultras

Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras
Foto Ultras

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

notizie scontri ultras tifosi tifosi violenti video

ultimo aggiornamento: 31-03-2011


Samuel Eto’o litiga con un giornalista e minaccia di farlo licenziare

La morte di Bob Lovati, storica bandiera della Lazio