Francesco Totti ai tifosi della Roma: "Nessun incontro con la società. Pensiamo alla Juve"

Giornate difficili a Trigoria. L'ambiente della Roma è tesissimo dopo l'esonero di Zeman e la sconfitta (l'ennesima di questa stagione) contro la Sampdoria. All'orizzonte c'è anche la sfida contro la Juventus, sempre sentitissima, che potrebbe in caso di sconfitta far degenerare ulteriormente le cose. Nei giorni scorsi si era diffusa inoltre la notizia di un presunto colloquio tra Totti ed i dirigenti giallorossi arrabbiati perché il capitano non si sarebbe imposto con Osvaldo per tirare a Genova il calcio di rigore. Il numero 10 romanista ha smentito in modo categorico questo incontro attraverso il proprio sito ufficiale:

"Non tollero che qualcuno millanti cose non vere e si nasconda dietro la mia persona: non ci sono stati incontri individuali tra me e la società o l'allenatore relativi a questo argomento. Sono state riportate notizie assolutamente prive di fondamento: ripeto, non sono mai stato chiamato individualmente per l'episodio di Genova, ma il tema tanto discusso è stato affrontato solo all'interno della riunione collegiale con allenatore, staff e calciatori, come è normale che sia".

Da giorni impazza la contestazione dei tifosi fuori dai cancelli di Trigoria, e proprio per questo Totti ha voluto ricordare a tutti che sabato sera la squadra è chiamata ad un impegno importantissimo contro la formazione di Conte, che a Roma cercherà di dare il colpo di grazie ai giallorossi. Totti ha chiesto anche ai tifosi di concentrarsi solo sulla prossima partita, così come sta facendo lui insieme a tutti i compagni:

"Siamo arrivati alla vigilia di una partita importante e sentita: andiamo infatti ad affrontare una grande squadra anche se si è parlato poco di questo. Ci sono state molte parole e tante ricostruzioni fantasiose relative all'episodio del rigore di Genova. Si tratta di un fatto circoscritto alla partita: per me al triplice fischio è finito tutto. Si vince e si perde tutti insieme, dal primo all'ultimo, gioie e dolori sono e devono essere sempre condivisi tra noi. Il Capitano nei momenti di difficoltà si deve far sentire. Svolgo questo ruolo da diversi anni e cerco di farlo con responsabilità, appartenenza, passione e trasparenza: chi ha voluto far trapelare all'esterno del gruppo colpe individuali non fa il bene di nessuno. Noi che facciamo parte della Roma, dalla società ai calciatori, fino ai dipendenti, siamo in piena sintonia. Vogliamo dare il massimo per questa maglia e lo dimostreremo tutti insieme". ".

Non poteva mancare infine una piccola difesa per Osvaldo, attaccato in modo eccessivo da tutti solo per essersi voluto prendere una responsabilità grande sul campo della Sampdoria. I tifosi non hanno apprezzato il suo tentativo dal dischetto, specie perché sarebbe dovuto essere Totti a tirare, ma senz'altro le intenzioni dell'italo-argentino non erano quelle di danneggiare la sua squadra:

"Io ed i miei compagni formiamo un gruppo unito e Daniel è uno di noi: questo non va dimenticato e spero che lui torni presto ad esultare con gioia dopo un gol. Questo è quello che tutti ci dobbiamo augurare per festeggiare insieme le vittorie. Ci si dimentica spesso che tutti noi siamo la Roma e che dobbiamo cercare insieme di proteggerla e difenderla per quello che rappresenta... per me, è semplicemente la vita. Ora più che mai dico sempre e solo Forza Roma. Giù le mani dalla mia, nostra e vostra Roma!"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail