Ricorso del Cagliari, i sardi chiedono il blocco dei calendari di Serie A

Tommaso Giulini, presidente Cagliari

Il campionato di Serie A potrebbe subire uno slittamento, a chiederlo è il Cagliari con una missiva indirizzata alla Procura Federale nell'ultima settimana di maggio e resa nota oggi. Con la lettera, scritta su carta intestata della società e firmata dal presidente Tommaso Giulini e dal suo vice Stefano Filucchi, i sardi chiedono il blocco dei calendari del massimo campionato alla luce delle ultime indagini che vedono coinvolte squadre di Serie A che potrebbero subire penalizzazioni.

Il riferimento è plausibilmente alla vicenda che coinvolge l'ex tecnico dell'Atalanta Stefano Colantuono, rinviato a giudizio dalla procura di Cremona insieme a Cristiano Doni, all'epoca capitano della Dea. In pratica il Cagliari sostiene che in caso di penalizzazione i bergamaschi finirebbero più in basso di loro in classifica e dovrebbero quindi retrocedere, favorendo così il loro ripescaggio. C'è da dire però che il club rossoblu opera con correttezza, perché mai fa i nomi di società o tesserati, limitandosi a scrivere che il campionato appena concluso è da considerarsi "sub judice". Le eventuali penalizzazioni porterebbero alla "riscrittura della classifica finale", chiede quindi il "congelamento della graduatoria finale" che va ritenuta non definitiva.

Ecco il testo completo della lettera del Cagliari che potrebbe portare ad uno sconvolgimento del prossimo campionato di Serie A:

Alla luce della notifica del 415 bis nei confronti di alcuni tesserati della serie A per alterazione di partite il cui esito sarebbe stato manipolato, è necessario che la Federcalcio prenda immediati provvedimenti. Esistono infatti fondate e rilevanti ragioni per revocare o mettere in dubbio la regolarità del campionato a cui la scrivente ha preso parte. In particolare il coinvolgimento accertato dall’ordine requirente di alcuni tesserati di squadra della massima serie configurerebbe, ove le accuse fossero confermate, l’ipotesi di responsabilità oggettiva per illecito a carico del club. Tale ipotesi prevede la penalizzazione di punti in classifica del campionato 2014-2015. Siffatto provvedimento produrrebbe la riscrittura della classifica finale. Per questo la Cagliari Calcio ritiene l’esito dello scorso campionato sub judice, sino al pronunciamento degli instaurando giudizi avanti gli organi giudiziali sportivi. Si chiede pertanto di adottare ogni iniziativa opportuna anche e in via preventiva o di autotutela per preservare la regolarità del campionato nonché garantire il principio di afflittivita nella corrente stagione. Prima fra tutte il congelamento della graduatoria finale, da ritenersi non definitiva. Senza dimenticare i danni commerciali, tecnici, sportivi e di immagine patiti dalla scrivente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail