Buffon disposto a tutto per Mario Monti. Il suo appoggio influenzerà gli elettori?

Tutto si può dire di questa campagna elettorale tranne che sia passata sotto traccia. La crisi deve aver evidentemente risvegliato le coscienze politiche degli italiani, che ora vedono nel voto l'unico strumento per cercare di cambiare il destino, alquanto cupo, del Paese. Molte sono state le 'star' italiane che si sono più o meno 'sbilanciate' a favore dell'uno o dell'altro candidato, e questa volta le celebrità che si sono esposte provengono anche dal mondo del calcio.

Negli Stati Uniti, da sempre, personalità del panorama della musica, dello sport e del cinema rivelano le proprie simpatie politiche e partecipano attivamente alla campagna elettorale, contribuendo sensibilmente (almeno secondo i sondaggisti americani) all'incremento dei voti. Chissà se anche nel nostro Paese l'appoggio del 'personaggio famoso' riuscirà ad influenzare gli elettori. Una cosa è certa, le dichiarazioni che negli ultimi tempi ha rilasciato il capitano bianconero Gigi Buffon, in favore di Mario Monti, possono essere risultate quasi persuasive per qualcuno, vista la convinzione che ha dimostrato il giocatore nei confronti del leader di Scelta Civica.

Lo Juventino ha descritto il suo appoggio come "totale ed incondizionato", dimostrando così grande fiducia nell'ultimo Presidente del Consiglio. Nella mail che il calciatore ha inviato al comitato elettorale dei montiani, tramite il sito di Scelta Civica, lo ha infatti descritto quasi come 'un Virgilio che ci possa far uscire vivi da questo inferno':

"Finalmente al timone s'intravede un leader che si regge sull'autorità morale, intellettuale e politica e non su immaginari connotati carismatici. La sua figura (che non è sicuramente simpatica o tendente a riscuotere facili ed effimeri successi personali, sperando poi in tornaconti futuri) dà a me, come cittadino, la certezza che ci sia al comando un uomo tutto d'un pezzo, una persona seria, preparata e raziocinante, una persona affidabile, che sa quello che dice".

Il capitano della juve ha toccato anche argomenti scottanti come quello dell'IMU, ed ha rivelato che pur non essendo felice di dover pagare "centinaia di migliaia di euro per l'Imu o milioni di euro per la Tassa di Solidarietà", si sente in dovere di farlo per "doveroso senso di responsabilità nei confronti del mio Paese e perché mi auguro che tutto ciò possa servire a ribaltare la situazione economica angosciante che attanaglia l'Italia e la stragrande maggioranza dei cittadini".

L'augurio a Monti soggiace però ad un monito; "un'unica cosa: di essere chiaro e trasparente, di non prendere per il naso la gente e il popolo italiano, e il solo modo che conosco per farlo è di aggiornare costantemente la nostra situazione con i risultati ottenuti e i futuri obiettivi, esponendo cifre, numeri e parole in una lingua più consona alla gente comune. Lei può rappresentare l'approdo sicuro, può indicarci la nostra terra promessa, è un bell'onere, ma un onore che non baratterei per nulla".

Il contenuto della mail è stato ribadito poi ieri sera a 'Porta a Porta', durante un collegamento del calciatore in occasione della presenza del Presidente, per un confronto, nel quale l'atleta ha precisato il fatto che "non aveva mai conosciuto di persona il Presidente del Consiglio" ma che ciononostante prova per lui una grande stima.

Chissà se avere uno "sponsor" del calibro di Buffon durante questa campagna elettorale, potrà davvero sbilanciare il risultato delle urne in favore di Monti. Al Presidente uscente rimane solo la speranza di cavalcare l'onda di un possibile 'effetto Milan' (quest'anno, 'effetto Balotelli').

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: