Mondiali 2014, "Balotelli non ha la pubalgia", Castellacci rassicura tutti

SuperMario è soltanto affaticato, nessun principio di pubalgia.

Il "principio di pubalgia" di cui La Gazzetta dello Sport ha dato conto oggi (con grande risalto - è il titolo che campeggia in prima pagina) in merito alle condizioni fisiche di Mario Balotelli, a meno di dieci giorni dall'esordio contro l'Inghilterra ai Mondiali 2014 ha ovviamente insinuato qualche preoccupazione in ogni tifoso italiano. Perché, a prescindere dal giudizio nei confronti del mai impeccabile SuperMario, un reparto d'attacco senza il 23enne del Milan, considerate le assenze dei goleador Rossi, Toni e Gilardino, sarebbe da considerarsi quantomeno spuntato.

Sebbene nel pezzo di Massimo Cecchini, pubblicato oggi dalla Rosea, si legga che "non c'è alcun allarme" perché i fastidi inguinali e ai flessori sono legati ai carichi di lavoro pesanti, è dovuto intervenire Enrico Castellacci, il medico della Nazionale, per precisare che non c'è alcun nesso con la pubalgia.

Balotelli non ha la pubalgia. Balo si sta allenando, ha avuto solo un sovraccarico di lavoro. Lo stiamo gestendo, è a disposizione ed è in condizioni di giocare.

Insomma, le parole di Castellacci sembrano quasi annunciare l'impiego dal primo minuto di Balo nell'amichevole in programma domani a Perugia contro il Lussemburgo. Cesare Prandelli oggi pomeriggio in conferenza stampa probabilmente fornirà maggiori informazioni a riguardo.

Intanto Castellacci, pur non entrando nel merito della polemica (oggi, appunto, potrebbe farlo il c.t.), ha parlato del recupero fisico di Giuseppe Rossi, che però è stato escluso dai 23 per il Mondiale:

Da un punto di vista medico aveva recuperato abbastanza bene.

Da notare l'uso dell'avverbio 'abbastanza'. Chissà se Pepito lo apprezzerà o replicherà ad esso con nuovi tweet.

Balotelli Italia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail