Rassegna stampa 24 giugno 2014: prime pagine di Gazzetta, Corriere e Tuttosport

Ecco come aprono oggi, 24 giugno 2014, i giornali sportivi

La Gazzetta dello Sport titola "No, a casa no" aggrappandosi a Balotelli e a Immobile per far sì che il Mondiale dell'Italia non finisca oggi contro l'Uruguay. Agli azzurri di Prandelli basta un pareggio per conquistare gli ottavi di finale. Centralmente il successo del Brasile firmato da Neymar, con i verdeoro che negli ottavi si scontreranno contro il temibile Cile di Vidal, ieri battuto dall'Olanda. Quindi l'altro ottavo di finale, tra gli Orange e il Messico, mentre la Spagna batte facilmente l'Australia chiudendo in modo dignitoso il Mondiale. Nel taglio basso il nuovo scatto della Juventus per Iturbe: al Verona andrebbero soldi e Montero. Intanto Tassotti liquida Seedorf, spiegando che con l'olandese era a disagio. Infine il caso di diritti tv per la Serie A 2015-18, con la Lega intenzionata a dividerli tra satellite e digitale.

no, a casa no

Il Corriere dello Sport apre con "Sì, crediamoci" e propone la foto dell'abbraccio degli azzurri dopo un gol segnato all'Inghilterra. Centralmente la doppietta di Neymar che spedisce agli ottavi il Brasile e le parole di Benitez sul destino dell'Italia al Mondiale. Più in basso l'intervista a Callejon e il punto sulla confusa battaglia tra Sky e Mediaset per i diritti tv della Serie A.

Tuttosport titola "Niente scherzi" definendo Italia-Uruguay come una finale e riportando le parole di Suarez che ha definito la nostra difesa "scarsa". Centralmente lo show di Neymar e la conquista degli ottavi di finale del Brasile, così come il Messico che supera la Croazia. Nel taglio basso l'accelerata della Juve per Mustafi, il tentativo del Torino per Krychowiak e l'attacco di Tassotti a Seedorf.

  • shares
  • Mail