Roma, Baldissoni: "Chiedo scusa ai tifosi per la partita di Barcellona"

ROME, ITALY - MAY 11:  AS Roma President James Pallotta (L) and General Manager Mauro Baldissoni look on during the Serie A match between AS Roma and Juventus at Stadio Olimpico on May 11, 2014 in Rome, Italy.  (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

A tre giorni dall'umiliazione del Camp Nou il Direttore Generale della Roma, Mauro Baldissoni, ha concesso un'intervista a Radio Radio, nella quale ha definito "imbarazzante" la partita giocata dalla sua squadra contro i campioni d'Europa. Il dirigente giallorosso ha voluto scusarsi con i tifosi, in modo particolare con quelli presenti allo stadio: "Condivido la tristezza e la rabbia. Depressione spero di no. Chi si deprime perde le energie che servono per reagire. Siamo molto dispiaciuti. Abbiamo provato imbarazzo a Barcellona. Quella partita può essere definita solo imbarazzante. Chiediamo scusa ai tifosi della Roma e soprattutto a quelli che hanno viaggiato fino lì. Al Camp Nou la bandiera della Roma è stata tenuta alta dai tifosi. Alla squadra ciò non è riuscito e di questo chiediamo scusa. Sono momenti di crescita. Questa squadra a volte ha cadute inattese da parte nostra, evidentemente il processo di maturazione che ci aspettiamo non è terminato. Non dobbiamo dimenticare quella giornata. Dobbiamo ricordarla per crescere ma poi superarla".

Nonostante l'umiliazione, Baldissoni ci ha tenuto a rinnovare la fiducia della società nei confronti di Rudi Garcia. Giustamente il tecnico francese non può essere rimesso in discussione dopo una sola partita disastrosa: "È assurdo dover ripetere ogni settimana che l’allenatore non è in discussione. Allenatore e giocatori sono valutati per i risultati, ma non domenica dopo domenica. A ogni partita non possono cambiare giudizi e decisioni definitive su allenatori e giocatori. Non sarebbe serio. Alla lunga ognuno sarà responsabile dei risultati che porterà. C’è la stessa voglia di far bene di prima e che abbiamo dimostrato in questi anni".

L'obiettivo di Baldissoni e della Roma è quello di voltare pagina, pensando alle prossime tappe di questa stagione: "Siamo una squadra che ha obiettivi importanti e la possibilità di raggiungerli contando solo sulle proprie forze. Raggiungere questi obiettivi sarebbe un ulteriore progresso e un miglioramento rispetto agli anni precedenti. Non dimentichiamo che questo è un processo di crescita. La Roma ha avviato un programma di miglioramento comprovato dai fatti per l’organizzazione societaria, la sanità economico-finanziaria e la capacità tecnica sul campo. Questo dicono i risultati degli ultimi due anni. Se dovessimo passare il turno in Champions League, come crediamo sia possibile, e continuare a lottare per vincere in Italia, vorrebbe dire aver ancora migliorato il risultato tecnico. Ci tengo a dire che qui non c’è apocalisse, non c’è disperazione, non c’è ultima spiaggia. Ci sono la necessità e la voglia di dimenticare una brutta figura che ci fa male, che fa male alla squadra e per la quale possiamo solo chiedere scusa. Poi andiamo in campo per continuare a lavorare per raggiungere i nostri obiettivi. Siamo già ripartiti, non ci siamo mai fermati. Facciamo le verifiche al nostro interno, come ogni settimana, per migliorare. Forse stavolta c’erano argomenti in più da trattare, ma non c’è alcun motivo per deprimerci. Siamo più arrabbiati e più consapevoli di prima".

  • shares
  • Mail