Atalanta-Valencia 4-1: impresa nerazzurra in Champions

Notte da sogno per i tifosi dell'Atalanta e per tutti gli amanti del bel calcio firmato Gian Piero Gasperini. I nerazzurri non hanno ripetuto l'errore fatto nelle prime partite della fase a gironi, quando accusarono una notevole ansia da prestazione che gli impedì di esprimersi al loro abituale livello.

Contro il Valencia, nel primo storico ottavo di finale di Champions, la musica è stata ben diversa perché i bergamaschi sono scesi in campo senza provare alcun timore reverenziale nei confronti degli avversari, così come per il palcoscenico prestigioso. Gli spagnoli, in emergenza difensiva, si sono presentati a Milano con l'intenzione di difendersi per poi ripartire in contropiede.

La tattica scelta non si è rivelata molto azzeccata per limitare l'estro dei nerazzurri; Gomez e Hateboer, infatti, hanno fatto il bello e il cattivo tempo sui due esterni, mandando in crisi totale i due terzini avversari. Al 16esimo proprio Hateboer ha trovato il gol del vantaggio spingendo in rete un traversone del Papu.

Allo scadere della prima frazione è anche arrivato il gol del raddoppio, firmato da Ilicic con un tiro dal limite; una bomba di destro - teoricamente il suo piede "sbagliato" - che non ha lasciato scampo a Domenech. Al 57esimo l'Atalanta ha calato il tris grazie alla caparbietà di Gomez, bravissimo nel vincere un duello fisico sulla trequarti con un colosso come Kondogbia; la palla contesa dai due è finita a Freuler, che ha subito preso la mira e sparato in rete a fil di palo.

Cinque minuti più tardi Hateboer è scappato ancora una volta in campo aperto su suggerimento di Pasalic ed è arrivato fino a calciare in porta, trovando il suo secondo gol della partita. L'unica grave sbavatura della serata atalantina è stata di Palomino, che al 66esimo ha servito un assist involontario a Cheryshev permettendogli di segnare il gol della bandiera per il Valencia.

Ci sono tutte le premesse per vedere l'Atalanta tra le prime 8 d'Europa; prima, però, dovrà superare l'esame del Mestalla il prossimo 10 marzo.

  • shares
  • Mail