Buffon, inizio da incubo con il PSG: Tuchel non ha ancora scelto il titolare

Tre amichevoli, due sconfitte e sei gol incassati da Gianluigi Buffon con la maglia del Paris Saint Germain: Tuchel non è sicuro di schierarlo da titolare?

È pur sempre calcio d’agosto, ma di certo Gianluigi Buffon si attendeva un’estate diversa tra i pali del Paris Saint Germain. Fin qui, con la casacca dei campioni di Francia, l’ex capitano della Juventus ha collezionato tre amichevoli di cui due perse e incassato sei gol, per alcuni dei quali non è parso esente da colpe. La forma non può essere la migliore, la squadra è imbottita di ragazzini poiché i campioni sono ancora in vacanza, ma nella stampa francese qualche dubbio si sta insinuando, tanto che durante l’ultima conferenza stampa, il tecnico del PSG è stato incalzato proprio sulla scelta del titolare che dovrà difendere i pali quando inizieranno le partite ufficiali.

“C’è una forte competizione per questo ruolo, è presto per decidere – ha dichiarato Thomas Tuchel scherzandoci anche un po’ su – . Lo farò quando tutti e tre saranno al 100%. Chiederò a Gianluca Spinelli (il preparatore dei portieri del PSG, ndr.) di decidere per me… . Io sono molto felice della qualità dei miei portieri. Gigi ha una grande personalità, e questo tipo di leadership che porta anche alla squadra. C’è una forte competizione, i ragazzi sono pronti a lottare per questo ruolo. Aspetterò fino a quando non saranno tutti e tre al 100% a decidere”.

In realtà, Tuchel spera che almeno un problema gli venga risolto dal mercato in uscita, poiché il tecnico del Paris Saint Germain si attende la cessione di uno tra Areola e Trapp. Per il resto, Buffon avrà avuto le sue rassicurazioni sull’impiego da parte del patron del club francese, quelle certezze che alla Juventus non avrebbe più potuto avere e che lo hanno portato a scegliere la Ligue 1 per la chiusura della carriera.

Intanto, i tifosi della Juventus si dividono sui social network: c’è chi è indubbiamente dispiaciuto per il proprio ex capitano,chi invece “se la ride” affermando che probabilmente alla sua età il numero uno avrebbe dovuto probabilmente chiudere la carriera o scegliere un campionato meno impegnativo come può essere la MLS americana.