Europa League: rinviate Siviglia-Roma e Inter-Getafe

europa league inter roma

AGGIORNAMENTO ORE 16:30: rinviate a data da destinarsi Siviglia-Roma e Inter-Getafe. Lo comunica l’Uefa tramite i propri canali ufficiali: “In seguito alle restrizioni dei viaggi tra Spagna e Italia imposti ieri dalle autorità spagnole, i seguenti match di Europa League in programma domani non si giocheranno: Siviglia-Roma e Inter-Getafe”. Visto che l’emergenza coronavirus sembra tutt’altro che prossima alla fine, rimane in dubbio il regolare svolgimento della competizione.

Europa League nel caos

Europa League nel caos in attesa di un pronunciamento da parte dell’Uefa: Inter-Getafe e Siviglia-Roma, due delle sfide in programma domani e valide per l’andata degli ottavi di finale, dovrebbero essere rinviate. Il club madrileno del Getafe, per bocca del suo presidente Angel Torres, ha già annunciato che non prenderà il volo per l’Italia: "Il Getafe non andrà a Milano, anche a costo di perdere il turno". Le autorità spagnole, dopo le limitazioni dei voli per l’Italia, stavano preparando un permesso ad hoc per i calciatori, ma hanno fermato tutto una volta preso atto della posizione del club.

Oggi, intanto, la Roma ha annunciato tramite i propri canali ufficiali che non partirà per Siviglia nel pomeriggio. "L’AS Roma non andrà in Spagna per il match di Europa League - si legge nel tweet del club giallorosso - contro il Siviglia a causa della mancata autorizzazione da parte delle autorità locali. Maggiori dettagli saranno resi noti dalla UEFA". Insomma, a sole 24 ore dal volo dell’Atalanta a Valencia, al club capitolino viene impedito di raggiungere il territorio spagnolo. Una situazione di cui l’Uefa dovrà prendere atto e fermare le competizioni europee poiché l’emergenza coronavirus è sempre più una questione continentale, non più solo italiana.

I sindacati calciatori chiedono lo stop degli allenamenti

In queste ore, tra l’altro, i sindacati dei calciatori italiani e spagnoli hanno chiesto lo stop di tutte le attività, anche gli allenamenti. Insomma, dopo quello del calcio italiano si va verso lo stop di altri campionati esteri, a mano a mano che i contagi aumenteranno, oltre che l’interruzione di Champions ed Europa League, delle quali non si può garantire la regolarità.

  • shares
  • Mail