Serie A, risultati e classifica: l'Inter vince in rimonta, il Milan stende la Roma

Successi anche per Napoli, Atalanta e Bologna.

Aggiornamento ore 23:35 - Anche l’ultima partita della 28esima giornata di Serie A si è conclusa con una vittoria dell’Inter arrivata in rimonta negli ultimi minuti del match. Il Parma è andato in vantaggio al 15’ con Gervinho ed è rimasto a lungo avanti 1-0. Il pareggio è arrivato all’84’ con De Vrij e poco dopo, all’87’, Bastoni ha fissato il risultato sul 2-1 per l’Inter. Questa la classifica:

Juventus 69
Lazio 65
Inter 61
Atalanta 57
Roma 48
Napoli 45
Milan 42
Parma 39
Verona 39
Cagliari 38
Bologna 37
Sassuolo 34
Fiorentina 31
Torino 31
Udinese 28
Genoa 26
Sampdoria 26
Lecce 25
Brescia 18
Spal 18

Vittorie per Napoli, Bologna e Atalanta

Aggiornamento ore 21:30 - Si sono concluse tutte e quattro le partite di oggi con inizio alle 19:30 e abbiamo assistito a due vittorie in trasferta, una in casa e un pareggio. La vittoria casalinga è quella del Napoli che ha battuto la Spal per 3-1 grazie ai gol di Mertens al 4’, Callejon al 36’ e Younes al 78’, mentre a Insigne è stato annullato un gol per fuorigioco nel terzo minuto di recupero del primo tempo. Per la Spal il gol del momentaneo pareggio al 29’ è stato firmato da Petagna.

Vittoria fuori casa per il Bologna che ha battuto per 2-1 la Sampdoria grazie alle reti di Barrow su rigore al 72’ e di Orsolini al 75’, mentre per i blucerchiati Bonazzoli ha segnato il gol della bandiera all’88’. Successo in trasferta anche per l’Atalanta che si è imposta per 3-2 sull’Udinese: gol di Zapata al 9’, pareggio di Lasagna al 31’, poi nel secondo tempo, la doppietta di Muriel al 71’ e al 79’ e un altro gol di Lasagna all’87’ per il definitivo 2-3.

È finita invece in parità, ma a suon di gol, la partita tra Sassuolo e Verona e tutte e sei le reti sono state segnate nel secondo tempo: scaligeri in vantaggio al 51’ con Lazovic, pareggio di Boga al 53’, nuovo vantaggio degli ospiti al 57’ con Stepinski, poi gol del 3-1 per il Verona al 68’ con Pessina, ma Boga al 77’ e poi Rogerio al 97’ hanno chiuso il match con un pareggio.

Il Milan stende la Roma 2-0 con Rebic e Calhanoglu

Ore 19:15 - Il Milan vince 2-0 a San Siro contro una diretta avversaria nella corsa alle coppe europee, la Roma. I giallorossi, però, restano ancora davanti ai rossoneri in classifica, ma il divario adesso si riduce a 6 punti. La squadra allenata da Paulo Fonseca è quinta con 48 punti, mentre quella di Stefano Pioli è settimana con 42 punti.

Pioli ha confermato la squadra che ha battuto il Lecce con Castillejo, Bonaventura e Calhanoglu alle spalle di Rebic, mentre Fonseca ha cambiato ben sei giocatori rispetto all’undici che ha battuto la Sampdoria. Ancora una volta, dunque, ha trovato conferma il detto “squadra che vince non si cambia”.

Prima del via il Milan ha reso omaggio a Pierino Prati con il capitano Romagnoli che è andato a deporre un mazzo di fiori al suo posto, la Roma, altra ex squadra di Prati, si è unita all’applauso. La prima vera occasione della partita è stata per i giallorossi con Dzeko che di testa, da pochi passi, ha sfiorato il palo alla sinistra di Donnarumma. Al 33’ c’è stato anche un cooling break a causa del caldo eccessivo: le squadre hanno avuto la possibilità di andare a rinfrescarsi per un minuto. Al 39’ la prima occasione del Milan con Calhanoglu, anch’egli di testa, ma la palla è finita alta di un metro. Il primo tempo si è chiuso sullo 0-0 in una situazione di sostanziale noia.

Nel secondo tempo, tra un cambio e l’altro, il Milan ha avuto un’altra occasione al 65’ con Calhanoglu, che ha calciato sul primo palo e Mirante di piede è riuscito a mettere in calcio d’angolo, poi due minuti dopo Paqueta ha cercato la via del gol con un destro rasoterra a giro da 22 metri, ma anche in questo caso Mirante ha mandato in angolo. Al 73’ c’è stato un altro cooling break e alla ripresa del gioco è arrivato il primo gol del Milan, al 76’, firmato da Rebic, dopo un’azione piuttosto rocambolesca: Kessié in mezza girata ha impegnato Mirante al centro della porta, Rebic sulla respinta ha calciato addosso al portiere giallorosso che ha deviato la palla sul palo, ma il pallone è tornato sui piedi di Rebic che è così riuscito a insaccare sotto la traversa.

All’88’ il Milan ha avuto la possibilità di usufruire di un calcio di rigore per un fallo di Smalling su Hernandez che era lanciato in area, Calhanoglu ha trasformato senza problemi e così il Milan ha potuto chiudere il match sul 2-0.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail