L’attaccante del Milan Olivier Giroud accende Juventus-Milan rivelando anche un retroscena al Corriere dello Sport. “Nell’estate 2020, con Pirlo allenatore mi ha cercato la Juventus, ma ho preferito restare al Chelsea dove volevo giocarmi le mie chance. Visto come si è conclusa la stagione (vittoria della Champions, ndr), ho preso la decisione giusta”.

Il francese parla poi della partita: “È una squadra esperta e sottovalutarla sarebbe un errore. Là davanti hanno molte opzioni: oltre a Dybala, ci sono Morata, che ultimamente non ha giocato molto perché è stato coinvolto in discorsi di mercato, Kean, tornato in Italia dopo l’esperienza all’estero, e Kulusevski. Non c’è un solo elemento che può fare la differenza e dal quale devi guardarti. La Juve storicamente è una formazione forte fisicamente e solida, contro la quale vinci solo se disputi una grande gara. Non dobbiamo perdere fiducia in noi stessi o farci assalire da timori e dubbi perché abbiamo perso in casa un match che dovevamo vincere. Contro la Juventus voglio rivedere il solito Milan generoso, determinato e pronto a riscattarsi subito. D’accordo siamo caduti male, ma siamo pronti a combattere, come si dice, con il coltello tra i denti”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 21-01-2022


Bologna, Mihajlovic: “C’è modo e modo di perdere una partita”

Genoa, le prime parole di Blessin