Zlatan Ibrahimovic-Stefano Pioli

Il giornalista Giancarlo Padovan è scettico sul nuovo ruolo dello svedese.

Giancarlo Padovan a MilanNews ha ammesso di non veder bene Fonseca al Milan: “Secondo me era spendibile anche Sarri a dispetto di ciò che si dice, ossia che sia un rustico, greve grezzo e a volte maleducato. Ma è un allenatore che sa, che conosce, ha padronanza delle lingue straniere e ha avuto un’esperienza favorevole all’estero alla guida del Chelsea. Ha vinto comunque uno scudetto con la Juve in una situazione difficilissima e secondo me era un allenatore che si aspettava di essere chiamato dal Milan, perché ha i principi di gioco del tanto detestato Pioli che i giochisti apprezzavano molto”.

Rafael Leao
Rafael Leao

Il nuovo ruolo di Ibrahimovic

“Mi pare che il ruolo gli sia scomodo. Non può ottemperare il suo carattere con quello che è il compito di un dirigente”.

La frase dello svedese sulla permanenza dei big Theo, Leao e Maignan

“Ha azzardato molto dicendolo, ma se vera è un’affermazione importante che significa che il Milan non vuole smembrare la squadra ma ripartire da una buona base di giocatori”.

Su Zirkzee

“Buonissimo giocatore che farebbe al caso del Milan. Con lui credeo che Leao potrebbe esplondere. Ma ha detto bene Ibrahimovic: non bisogna fare beneficenza e Ibra definendo così le commissioni è stato pure tiepido. Io ad esempio le chiamerei ‘tangenti’. E i procuratori non hanno bisogno di tangenti per quello che guadagnano, è ora di finirla. Il Milan già in passato ha rinunciato a dei giocatori per le commissioni e fa bene a ribadire la sua linea”.   

L’articolo Padovan: “Ibra ha azzardato sui big, in generale credo che il ruolo gli sia scomodo per diversi motivi” proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 15-06-2024


Capello: “Il Milan ora non ha neanche un convocato in nazionale, se sei 90 e compri 10 giocatori da 70 non aggiungi”

Baiocchini: “Ibra era carico ed affamato, ora è chiaro a tutti il suo ruolo, così come la scelta di Fonseca”