Il difensore della Lazio Alessio Romagnoli ha mostrato tutta la propria felicità per il trasferimento in biancoceleste.

Alessio Romagnoli ha parlato della sua fede laziale e del suo attaccamento ai colori ai canali ufficiali della Lazio. “Penso sia stata l’emozione più grande della mia vita. Aver indossato questa maglia è il coronamento di un sogno che avevo da bambino. Non volevo giocare in Serie A, ma nella Lazio. La tredici me la porto dietro da tanti anni. Nesta è stato il più forte difensore di tutti i tempi, nessuno sarà mai come lui. Indossare il suo numero è qualcosa di importante, pesa molto”.

Alessio Romagnoli

Cercherò di fare del mio meglio. Cantavo l’inno con la felpa sopra il naso ogni volta che giocavamo all’Olimpico contro la Lazio. Non esultare è stato molto naturale. Rispetto la mia fede e i miei ideali va oltre ogni cosa, non ci sarei mai riuscito. Il rispetto è la prima cosa. Ho sempre rispettato questa fede e questa maglia. Era giusto fare un percorso a Milano per me e la mia carriera perché vedevo che il club stava crescendo, ogni volta che giocavamo contro la Lazio con Igli parlavamo sempre e dicevamo che mancava sempre meno alla fine del contratto. Dicevo sempre a loro di provarci, volevo sempre giocare con la Lazio e non volevo andare troppo in là con gli anni”. 

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 19-07-2022


Sabatini: “Dybala sarà il crack della prossima stagione”

Bellanova: “Imparo da Dumfries, Perisic e Darmian, la mia caratteristica migliore è la velocità”