Roma-Napoli, in Curva Sud compare anche uno striscione con il volto di Sandra Milo

In Curva Sud, oltre agli striscioni dal formato classico e contenenti frasi indirizzate alla madre di Ciro Esposito, è comparsa una "pezza" con il volto di Sandra Milo. La trovata di pessimo gusto è anche in questo caso uno squallido tentativo di fare ironia sulla morte del tifoso napoletano. La foto con l'espressione della presentatrice risale al 1990 quando, durante la trasmissione Rai «L’amore è una cosa meravigliosa», una spettatrice telefona alla conduttrice, Sandra Milo, dicendole che suo figlio Ciro ha avuto un incidente ed è grave. La telefonata è uno scherzo, ma la presentatrice urla «Ciro, Ciro» mentre lascia in lacrime lo studio.

La Questura, intanto, ha disposto la visione degli striscioni apparsi in. Antonella Leardi, intanto, ha commentato questo spiacevole episodio:

"Chi ha scritto quegli striscioni deve finire nelle mani di Dio, affinché possa cambiare il loro cuore. Ho visto la partita in tv, fa male sentire dire cose orribili su un figlio che si è perso. Chi ha scritto quelle cose non sa neanche lontanamente cosa significhi".

L'avvocato che difende la famiglia Esposito, Angelo Pisani, ha chiesto la squalifica dell'Olimpico:

“Antonella Leardi, nonostante la tragedia criminale che ha devastato la sua famiglia, con l'aiuto della fede sta cercando di farsi forza e per la bontà che la contraddistingue, sta cercando di trasmettere agli sportivi ed ai giovani di tutto il mondo che la violenza non serve, non porta a niente, la violenza uccide".

sandra milo ciro curva sud

  • shares
  • Mail