Massimiliano Allegri intervisto a GQ, parla del calcio e di come lo vede, queste le sue dichiarazioni al riguardo.

Max Allegri ha una visione del calcio particolare, lo dimostra ancora con queste dichiarazione a GQ, ecco il pensiero dell’allenatore della Juventus: “Al di là di alcune cose che sono cambiate e di cui va preso atto, la struttura fisica dei ragazzi, e la globalizzazione del calcio, due fattori che pesano, io credo che il problema principale del nostro calcio è che si usano i giocatori come cavie degli allenatori, sia nelle prime squadre che nei settori giovanili. Ma il calcio è un’arte, madre natura ha il suo peso.”

Analizza più analiticamente il suo pensiero: “Tutti possono migliorare, certo, ma se uno è scarso può diventare meno scarso, non diventerà mai uno bravo. E uno che è bravo può diventare più bravo. Va ovviamente data un’organizzazione, va data un’idea di gioco, poi però il calcio di fatto ha una componente psicologica e umana da cui non si può prescindere: ci sono giocatori che un anno fanno bene e un altro fanno male, perché? Perché sono esseri umani; i giocatori non sono tutti uguali e non si può pensare che le cose che facciamo un anno andranno bene per tutti gli altri anni. Ai ragazzi va insegnato il gioco del calcio, perché uno che ha conoscenza del calcio poi gioca ovunque”. Conclude così Max Allegri.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Juventus

ultimo aggiornamento: 31-03-2022


Gatti: “Juventus? ancora non me ne rendo conto”

Aguero e la voglia di tornare a giocare: “Ci sto pensando ma…”