L’ex presidente del Modena e procuratori di grandi calciatori, Antonio Caliendo è stato accusato dalla procura.

Antonio Caliendo non smette di far parlare di sé, in questo caso si parla di guai. È stato accusato dalla procura di dichiarare solo 5 mila euro quando in realtà ne avrebbe percepito 13 milioni.

Come riferito dal Corriere della Sera, l’accusa va dalla mancata dichiarazione dei redditi, insieme l’omessa dichiarazione dell’Iva, e un’evasione stimata di circa 1,8 milioni di euro.

IM_pallone_serie_A_2020
IM_pallone_serie_A_2020

Questa l’accusa della procura: “Pur residente nel Principato di Monaco, svolgeva la sua attività professionale con prestazioni soggette a tassazione in Italia, a favore di società sportive nazionali.

L’ex procuratore ha una struttura di società articolata tra Lussemburgo e il Principato di Monaco. Lo stesso Caliendo dichiara: “Parleranno i miei avvocati, non ho nulla da commentare.” I militari hanno sequestrato a Montecarlo beni immobili di lusso della proprietà di Caliendo per 7 milioni di euro.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 17-05-2022


Chelsea: battaglia Abramovich contro il governo inglese, cessione ferma

Plusvalenze: bloccato il ricorso, assoluzioni confermate