L’ex allenatore Fabio Capello spiega i motivi di alcuni mali del calcio italiano sottolineando però qualche buon risultato ottenuto recentemente.

Fabio Capello parla dello stato del calcio italiano a Il Messaggero. “Negli stadi abbiamo un handicap spaventoso del quale non riusciamo a liberarci. La burocrazia ci lega in tutti i modi: Roma, Milano, Firenze, il problema è generale, riguarda il sistema paese. Qualsiasi tentativo di migliorare e innovare si rivela impossibile. Ai tempi del settore giovanile del Milan mi scontrai con Comune, Provincia, Regioni e comitati di quartiere”.

Roberto Mancini

Un muro invalicabile. La questione degli stadi è prioritaria: la ripresa economica del calcio dipende dagli impianti. A livello calcistico qualche risultato negli ultimi tempi lo abbiamo ottenuto. Siamo stati campioni d’Europa, anche se poi abbiamo mancato la qualificazione al mondiale per la seconda volta di fila. Con la Roma abbiamo vinto una coppa ed è un segnale importante. A chi afferma che è la terza manifestazione europea, rispondo: sull’albo d’oro ci sarà scritto per sempre Roma, Italia. Qualcosa si sta muovendo, ma ora è importante non fermare quel venticello. Bisogna prendere decisioni sensate con una visione del futuro“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 28-06-2022


Leao: “Affronto la vita con lo spirito del surfista”

Bagni: “Sono preoccupato per il mercato del Napoli”