Euro 2020, la Svizzera spodesta la Francia e sale nell’Olimpo

Incredibile all’Arena Nationala di Bucarest, la Svizzera batte la Francia ai calci di rigore. Blues fuori dall’Europeo.

Incredibile all’Arena Nationala di Bucarest, la Svizzera batte la Francia ai calci di rigore. Blues fuori dall’Europeo.

Una partita sorprendente della Svizzera, in un Europeo che ci ha abituato a ribaltoni sui pronostici iniziali. Gli elvetici riescono nell’impresa contro i campioni del mondo. I Rossocrociati azzerano completamente il divario tecnico nel primo tempo e trovano un vantaggio fulminante, poi i Blues rimettono sui binari giusti la partita sfoggiando tutta la classe degna dei Campioni del mondo. All’imporvviso risorge la Svizzera. Due gol in dieci minuti e blues costretti ai supplementari. Finale equilibrato, una caparbia Svizzera gioca un’ottima prestazione nel primo tempo supplementare, la Francia cerca il moto d’orgoglio nel secondo tempo supplementare senza trovare il gol. Partita decisa ai calci di rigore, elvetici nuovamente perfetti. Mbappè sbaglia il rigore decisivo e condanna i galli.

Al 15′ minuto succede ciò che i bookmaker non avrebbero mai immaginato allo Stadio National Arena di Bucharest. La Svizzera segna e passa in vantaggio. Un bel cross di Zuber serve una palla perfetta a Seferović che infila in rete con una precisione chirurgica. L’attaccante del Benfica compie un gesto atletico da centravanti di razza. Atteggiamento quadrato e composto degli elvetici che sorprendono i Blues, riuscendo a contenere le poche percussioni francese nella prima frazione.

Nella ripresa esce l’orgoglio blu. La Francia ribalta la partita e fredda la Svizzera nel giro di due minuti con una doppietta di Benzema. La prima rete nasce da un assist al fiocco di Mbappè, il talento del PSG mette l’attaccante madrileno a due passi da Sommer, che senza pietà lo fredda. Il secondo gol nasce dai piedi di Griezmann che con un pallonetto cerca di battere il portiere svizzero che la spizzica di mano sul secondo palo. Il Gato con grande fiuto risponde presente all’appuntamento con il gol. La buona Svizzera vista nel primo tempo ormai sembra un miraggio, gli schemi sono saltati e viene bucata troppo facilmente dai francesi. Il colpo di grazia è targato Paul Pogba. Un capolavoro del centrocampista del Manchester United. Un destro con il contagocce si infila sotto al set mostrando tutta la sua classe del centrocampo.

Gli elvetici danno un segno di vita, Mbabu mette un’ottima palla in mezzo all’area, Varane si dimentica di Seferovic che stacca bene e insacca. Poi l’impensabile. Gli elvetici stupiscono ancora e riacchiappano il risultato. Allo scadere del secondo tempo Gavranovic si libera con classe e con un destro di fuoco fredda Lloris.

La partita termina ai calci di rigore, ancora perfetti gli svizzeri che non sbagliano neanche un calcio piazzato. Il pallone più pesante è quello che Mbappè sbaglia, consegnando il passaggio del turno alla Svizzera.

Un Europeo pazzo che sta donando a tutti gli amanti del calcio fortissime emozioni. Ungheria seppur eliminata capace di disputare un girone incredibile tra le più grandi d’Europa e del mondo. Repubblica Ceca che sorprendentemente ha eliminato una, a diro poco favorita Olanda e infine la Svizzera, che raggiunge l’olimpo. Un applauso alla squadra di Pektovic, che con sacrificio e dedizione compie l’impresa.

LA PARTITA

Inizia forte la Francia, al secondo minuto della partita Mbappè intercede nell’area Svizzera, bravi i Rossocrociati a chiudere in calcio d’angolo il fenomeno del PSG. Dopo i primi minuti dove i Blues mantengono il possesso palla senza costruire in fase offensiva è la Svizzera ad alzare la testa e ad affacciarsi nella metà campo francese. Al 15′ minuto succede ciò che i bookmaker non avrebbero mai immaginato. La Svizzera segna e passa in vantaggio. Un bel cross di Zuber serve una palla perfetta a Seferović che infila in rete con una precisione chirurgica. Gesto atletico da centravanti di razza. Una Svizzera molto più convincente della formazione di Deshamps. Il primo squillo francese arriva al 23′ minuto. Rabiot entra in area e mette in mezzo un tiro-cross che Sommer sfiora con le mani anticipando Benzema. 28′ minuto nuovamente pericolosa la Francia. Rabiot ruba un pallone al limite e lo scaraventa di sinistro nella direzione di Sommer. Conclusione molto potente e poco di fuori. Da sottolineare la presentazione dell’attaccante svizzero Embolo. Prestazione atletica e condizioni fisiche incredibili, la Francia costretta più volte ad atterrarlo per fermarlo. Dechamps opta per il passaggio alla difesa a quattro. La Svizzera invece, tatticamente perfetta nella prima frazione, dovrà mantenere alta la soglia dell’attenzione e continuare a fare quadrato intorno Mbappé, il più pericoloso finora tra gli avversari.

Inizia in attacco il secondo tempo per la Francia. 46′ minuto Griezmann ci prova dalla distanza, tiro troppo strozzato che termina lontano dal palo di Sommer. 49′ minuto, Embolo fa tutto bene e mette un pallone velenoso in mezzo. Nessun giocatore svizzero si presenta di fronte a Lloris. 52′ minuto Pavard atterra Zuber in area di rigore, VAR e rigore. Sulla battuta Rodriguez che sciupa l’occasione di ipotecare la partita. Lloris para e tiene viva la Francia. La dura legge del calcio colpisce ancora. Gol sbagliato gol subito. I blues riprendono la partita con Benzema. Mbappè lo serve, l’attaccante del Real Madrid, controlla a due passi da Sommer e lo fredda. Cambia il mondo, si ribalta la partita. 59′ minuto, doppietta di Benzema. Griezmann con un pallonetto prova a superare Sommer, che non blocca e devia. Benzema si presenta all’improvviso sul secondo palo e stende la Svizzera. Gli elvetici abbassano il baricentro e subiscono le incursioni francesi. Al 75′ minuto i blues dilagano, una rete incredibile di Paul Pogba imparabile per Sommer. Pallone sotto al set. La Svizzera batte un colpo e tiene viva la partita all’81’ minuto. Seferovic svetta davanti a Varane la mette in rete. 85′ minuto la Svizzera ad un passo dall’impresa. Gavranovic intercetta un tiro sporco di Rodriguez e insacca alle spalle di Lloris. L’arbitro ferma tutto e non convalida il gol. Francia ancora in vantaggio, per poco. Succede l’impensabile, al 90′ minuto la Svizzera la riprende, rete di Gavranovic, si libera al limite e con un grand destro super Lloris. Un incredibile palo di Coman all’ultimo minuto di gioco scheggia la traversa, Svizzera ancora viva, partita ai supplementari.

Primo tempo supplementare combattuto, una bella Svizzera che con molto coraggio cerca il gol decisivo. al 97′ Mbabu ci prova ma un ottimo Varane salva la Francia. 101′ minuto ci prova la Francia con Mbappè che con un bel pallone trova Sissoko in area. Il centrocampista del Tottenham calcia al volo spedendo il pallone sulle stelle. Svizzera superiore in questa prima frazione, elvetici posizionati meglio dei francesi.

Secondo tempo supplementare, prima fiammata francese, 107′ minuto Pogba con un guizzo recupera palla ma viene atterrato duramente da Akanji. 110′ minuto una palla perfetta a tagliare di Pogba serve Mbappè che sulla corsa accusa un fastidio muscolare e calcia malissimo. 113′ si distende la Francia con un’azione corale, una serie di primi tocchi. Apertura strepitosa di Pogba sui piedi di Thuram che cerca con un cross teso Giroud che a botta sicura colpisce il suo compagno di squadra Mbappè. 118′ minuto, Giroud ha una grandissima occasione, bello stacco e buona girata di testa. Sommer blocca il pallone con due mani. Minuti finiti, si va ai calci di rigore.

Mbappè sbaglia il rigore decisivo e condanna i Blues. Svizzera con merito ai quarti.

IL TABELLINO: FRANCIA-SVIZZERA 3-3

MARCATORI: 15′ e 81′ Seferovic, 90′ Gavranovic (S); 57′ e 59′ Benzema, 75′ Pogba  (F)

FRANCIA (3-4-1-2): Lloris; Varane, Lenglet (46′ Coman, 111′ Thuram), Kimpembe; Pavard, Pogba, Kanté, Rabiot; Griezmann (88′ Sissoko); Benzema (94′ Giroud), Mbappé. A disp. Mandanda, Maignan, Lemar, Tolisso, Zouma, Hernandez, Ben Yedder, Dubois. All. Deschamps.

SVIZZERA (3-4-1-2): Sommer; Elvedi, Akanji, Rodriguez (87′ Mehmedi); Widmer (73′ Mbabu), Freuler, Xhaka, Zuber (79′ Fassnacht); Shaqiri (73′ Gavranovic); Embolo (79′ Ruben Vargas), Seferovic (97′ Schar). A disp. Mvogo, Kobel, Zakaria, Sow, Benito, Fernandes. All. Petkovic.

ARBITRO: Rapallini (Argentina)

NOTE: AMMONITI: Varane, Coman, Pavard (F); Elvedi, R. Rodriguez, Xhaka, Akanji (S)

CALCI DI RIGORE FRANCIA-SVIZZERA 4-5

Gavranovic (S) GOL; Pogba (F) GOL

Schar (S) GOL; Giroud (F) GOL

Akanji (S) GOL; Thuram (F) GOL

Vargas (S) GOL; Kimpembe (F) GOL

Mehmedi (S) GOL; Mbappé (F) PARATO.