Il numero dieci della Juventus attualmente, Paulo Dybala è stato chiamato come persona informata sui fatti ai fini dell’indagine Prisma.

Juventus, Paulo Dybala è stato il primo giocatore chiamato in Procura a Torino come persona informata sui fatti. È stato ascoltato per quanto riguarda il filone d’indagini dell’inchiesta Prisma. L’inchiesta a fine novembre aveva confermato l’iscrizione al registro degli indagati di Fabio Paratici (ora al Tottenham), Pavel Nedved e Andrea Agnelli, oltre di dirigenti del reparto finanza e l’avvocato Cesare Gabasio.

Il fatto riguarda l’autorizzazione di fatture per operazioni non esistite e false comunicazioni in società quotate in borsa. Come rivelato dalla Gazzetta dello Sport ora l’inchiesta si è spostata sull’accordo tra giocatori e società per la riduzione degli ingaggi durante il lockdown per il coronavirus nel 2020.

IM_Paulo_Dybala
IM_Paulo_Dybala

Come riportato dalla Gazzetta dello Sport, quindi, Paulo Dybala non sarà l’unico giocatore ascoltato in procura in merito a persona informata sui fatti. Era già accaduto sia per Cherubini che per Arrivabene.

Secondo quando riportato, l’accusa alla Juventus è quella di aver preso accordi per la riduzione di 4 mensilità e nel mentre anche l’integrazione dei stipendi negli anni successivi, questo però senza inserirlo in modo corretto nel bilancio.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Juventus

ultimo aggiornamento: 24-03-2022


Milan, Kalulu: “Sia Zlatan che Giroud vogliono sempre vincere”

Milan, Brahim Diaz: “Ibrahimovic? È un vero leader”