Max Allegri voleva il 4-3-3 come modulo di base, ma non forzando gli acquisti sulle fasce, il futuro della Juventus è segnato.

Il 4-3-3 voluto da Max Allegri sta per finire appena iniziato nella Juventus. Le colpe sono molteplici, come i mancati acquisti sugli esterni. Filip Kostic non è un esterno da tridente offensivo, stiamo parlando di un giocatore che da il meglio quando parte da lontano, appunto dove è esploso a tutta fascia. Dall’altro lato, Juan Cuadrado non ha più lo spunto nel breve degli anni migliori ma può ancora dire la sua giocando a tutta fascia semplificando i compiti che deve fare senza inventarsi nulla.

Massimiliano Allegri

La difesa a tre è presto fatta con Danilo, Bonucci e Bremer, il discorso però è che il centrale italiano non garantisce più affidabilità fisica. Gatti e Rugani devono cominciare ad entrare nelle rotazioni senza rimanere al margine della rosa. Gli esterni di riserva, sono De Sciglio e Alex Sandro che possono farlo ma senza aspettarsi particolari acuti. Davanti con l’assenza oramai diventata quasi cronica ad intermittenza di Angel Di Maria, Vlahovic farà coppia con Milik o Kean. Con il polacco già abituato a giocare con una punta. Il centrocampo anche senza Pogba può dire la sua, ma per il 4-3-3 vero appuntamento al ritorno di Chiesa.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Juventus

ultimo aggiornamento: 06-09-2022


Al-Khelaifi sul nuovo formato della Champions: «Aumenta il numero di partite del 150%»

Podolski: «Inter brava, ma il Bayern Monaco vince sempre…»