esultanza gol Lautaro Martinez

Il capitano dell’Inter Lautaro Martinez non ha difficoltà ad affrontare l’argomento rigori, forse l’unico suo vero tallone d’Achille.

Lautaro Martinez alla Gazzetta dello Sport fa capire di non aver saziato con la vittoria dello Scudetto la sua fame di vittorie. “L’Inter veniva da anni senza successi e negli ultimi 4 ha sempre messo in bacheca qualcosa. Il ciclo deve continuare, ha ragione il direttore Marotta quando dice che ‘dobbiamo alzare l’asticella’. Non scelgo tra gli obiettivi, li voglio tutti, ma il prossimo passo è la Champions: a Istanbul era un sogno vicinissimo, mentre l’unica partita che vorrei rigiocare quest’anno è quella contro l’Atletico. Ma a Milano, non a Madrid: se avessimo sfruttato le occasioni, sarebbe stato diverso. Certo, anche al Metropolitano abbiamo sbagliato: se vai in vantaggio, devi conservarlo. Su questo bisogna migliorare”. 

Lautaro Martinez
Lautaro Martinez

La “maledizione” dei rigori

“Non è un argomento scomodo per me, non li sbaglia solo chi non li tira… E per fortuna ho un compagno infallibile come Calha. Contro il Torino voleva che lo tirassi io, e la cosa mi avrebbe fatto piacere per sbloccarmi, ma il rigorista è lui e quell’applauso di San Siro se lo meritava tutto: ha sofferto in questi anni e ora anche lui è un idolo”. 

Il rapporto col presidente Zhang

“Ci è sempre stato vicino: anche se quest’anno non era con noi a volte bastava una videochiamata per sentirlo comunque qui. È un grandissimo presidente e non sappiamo che cosa accadrà perché è tutto sopra le nostre teste. Siamo anche noi tranquilli e in attesa”. 

L’articolo Lautaro: “Il ciclo deve continuare, i rigori non sono un argomento scomodo, Zhang ci è sempre stato vicino” proviene da Notizie Inter.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 21-05-2024


Inter: tempo praticamente scaduto ma niente annunci oggi, ecco quanto durerà lo stallo per il cambio di proprietà

Lautaro: “Asllani non mi parlò per un po’, mai più sentito Lukaku”