Il club nerazzurro, salvo scenari clamorosi ormai altamente improbabili, si appresta a cambiare proprietario.

Matteo Barzaghi di Sky Sport ha fatto il punto su quello che sta succedendo a livello societario in ambito Inter. “Oggi scade il termine per il pagamento del prestito più interessi, per un totale di 386 milioni di euro. Se il pagamento non verrà effettuato entro oggi, il fondo Oaktree potrà diventare proprietario del 99,6% delle quote dell’Inter. Zhang ha ancora poche ore, ci si avvicina alla scadenza e aumenta la curiosità per capire i movimenti di Oaktree. Da quanto ci risulta, non dovrebbero comunque arrivare comunicazioni oggi, ma domani. Oggi è infatti la giornata dell’attesa, che qualcosa possa accadere su un fronte o l’altro”.

Gli scenari

Raccontiamo la cronaca e cerchiamo di capire le due posizioni: Zhang ci è stato detto che farà di tutto fino all’ultimo per mantenere il controllo, dall’altra parte Oaktree che è pronta a subentrare. Nel caso in cui subentrasse Oaktree, ci vorrebbero circa 20/25 giorni per arrivare alla nuova assemblea dei soci, in cui cambiare anche il consiglio di amministrazione e inserire i nuovi membri della gestione Oaktree”.

La durata dello stallo

Per 20/25 giorni non ci sarebbero interventi a livello societario nemmeno in questioni come rinnovi e operazioni di mercato, sarebbe tutto in stand-by per questo periodo. Se invece Zhang riuscisse nel miracolo, si andrebbe avanti come sempre. L’intento comunque di Oaktree, da ciò che filtra, è di confermare il management sportivo che ha fatto bene come risultati e nei conti, si andrebbe avanti così, senza rivoluzioni”.

L’articolo Inter: tempo praticamente scaduto ma niente annunci oggi, ecco quanto durerà lo stallo per il cambio di proprietà proviene da Notizie Inter.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 21-05-2024


Inter: oggi pomeriggio il verdetto definitivo sul fronte societario, un indizio è molto eloquente su ciò che accadrà

Lautaro: “Il ciclo deve continuare, i rigori non sono un argomento scomodo, Zhang ci è sempre stato vicino”