Il commissario tecnico della nazionale italiana Roberto Mancini ha spiegato l’utilità degli stage e si è focalizzato sulla figura di Mario Balotelli oggi in conferenza stampa. “In un momento come il nostro in cui abbiamo con tante defezioni, Mario può essere un’opportunità. Abbiamo due allenamenti e venerdì la partitella, 3 sedute in tutto non sono tante. È un momento buono per vedere se ci sono giocatori che ci possono dare una mano. Le nostre porte sono sempre aperte. Se Mario è la mia carta della disperazione? No, se la disperazione poi è come quella prima degli Europei, allora va bene. Ma non è questa situazione di questo genere”.

“In questi giorni proveremo cose differenti e valutiamo calciatori che non venivano chiamati da tempo come Mario e altri che sono nuovi. A livello tecnico è sempre stato bravo lui, non si discute, bisogna capire come sta fisicamente. Poi si deve integrare in un gruppo che ha lavorato benissimo. Ma non è solo il suo caso. Ci sono anche gli altri nuovi. Due giorni sono importanti per le valutazioni. Che cosa mi ha promesso? Assolutamente nulla. È stato chiamato come sono stati chiamati gli altri. Eravamo curiosi di vederlo dopo tanto tempo, ma va valutato. Penso sia felice di essere qua. Vediamo se ci potrà dare una mano“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 26-01-2022


Ufficiale, Balotelli torna in Nazionale

Giaccherini: “Non avrei convocato Balotelli”