Dries Mertens avvisa l’Inter: il Napoli c’è e darà battaglia fino alla fine. Nel corso della chiacchierata al Corriere dello Sport, il capocannoniere di tutti i tempi della storia del Napoli esprime l’orgoglio azzurro. Dagli interpreti al momento della squadra, fino alla mentalità trasmessa dal nuovo allenatore.

europa league risultati 4° turno

“Abbiamo buttato via troppi punti e ci sono stati tolti tanti giocatori nei momenti chiave. Se il secondo Napoli di Sarri è stata la squadra più bella, questa lascia dentro di sé tante domande: dove saremmo se Covid, infortuni e Coppa d’Africa non ci avessero sottratto tutti quei compagni?”. Mertens passa poi in rassegna la squadra. “Guardate chi siamo: Koulibaly, Fabian Ruiz, Insigne e Zielinski nella loro fase più matura, un Di Lorenzo di cui sono innamorato perché le gioca tutte; Rrahmani e Juan Jesus che sembrava – e ribadisco sembrava – dovessero essere le alternative al blocco titolare, che giocano a questi livelli; il ritorno di Ghoulam… Ci metta gli altri, poi: questo è uno squadrone, che però ha dovuto pagare un prezzo altissimo alla sfortuna. L’Inter è la più forte, sta avanti, ha un vantaggio, ma non è finita”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 20-01-2022


Avvocato Salernitana: “Avevamo chiesto il rinvio con la Lazio, è stata una pantomima”

Bologna, Mihajlovic: “C’è modo e modo di perdere una partita”