Thiago Motta

Il giornalista Giovan Battista Olivero dà una sua lettura alle scelte della dirigenza rossonera ed alle parole pronunciate ieri da Ibrahimovic.

La giornata di ieri è stata molto importante per tutto il mondo Milan: l’annuncio di Paulo Fonseca come nuovo allenatore è avvenuto all’interno di una lunghissima conferenza stampa in cui Zlatan Ibrahimovic ha parlato del nuovo progetto. Nel day after si discute tanto sulle dichiarazioni del dirigente e sull’argomento le visioni degli addetti ai lavori sono molteplici.

Paulo Fonseca
Paulo Fonseca

L’obiettivo del Milan

Giovan Battista Olivero sulla Gazzetta dello Sport ha detto la sua. “In questo momento il Milan vuole crescere e competere rispettando la filosofia della sostenibilità e dei giovani. E quindi Fonseca è un profilo logico. La speranza del club è che il portoghese faccia quello che è riuscito a Simone Inzaghi all’Inter o, in una dimensione diversa, a Thiago Motta al Bologna: alzare sensibilmente il livello della squadra facendo migliorare i giocatori individualmente e inserendoli in un contesto tattico che li esalti“.

Cosa serve per renderlo realizzabile sulla carta 

“Progetto affascinante, ma di non semplice attuazione anche perché ai rossoneri servono quattro innesti di peso: terzino destro, difensore centrale, mediano, centravantiLa benedizione di Ibra è importante, questi acquisti molto di più. Altrimenti le ambizioni verrebbero immediatamente ridimensionate e non certo per colpa dell’allenatore. Non è obbligatorio vincere, ma competere per farlo: è la mentalità di Ibra, è la storia del Milan. E quindi è quello che ci aspettiamo”. 

L’articolo Olivero: “La speranza del Milan è fare quello che è riuscito a Simone Inzaghi e Thiago Motta” proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 14-06-2024


Zirkzee: Kia non molla di un centimetro ed il Milan pensa alle alternative, spunta un nome nuovo

Visnadi: “Ibra ci ha messo la faccia confermando che Conte non c’entrava nulla, chi si aspettava di più è rimasto deluso”