mondiali-argentina

Quella di Lusail sarà la sesta volta nella storia in cui l’Albiceleste arriva in fondo al torneo: ma quanti Mondiali ha vinto l’Argentina

Battendo 3-0 la Croazia in semifinale, l’Argentina di Lionel Scaloni ha raggiunto la finale della Coppa del Mondo per la sesta volta nella sua storia. Ma quanti Mondiali ha vinto l’Argentina

L’Argentina ai Mondiali: due trionfi nel 1978 e nel 1986

L’Argentina nella sua storia ha giocato sei volte la finale dei Mondiali, laureandosi campione del Mondo in due occasioni, nel 1978 in casa e nel 1986 in Messico. La prima finale l’Albiceleste l’ha giocata nella prima edizione del torneo, nel 1930.

Avversaria della Selección l’Uruguay padrone di casa nel Clásico del Rio de la Plata. La Celeste è una grande squadra, che ha vinto 2 titoli olimpici nel 1924 e nel 1928 e 6 Coppe America fra gli anni Dieci e gli anni Venti del XX secolo.

Alla fine a spuntarla sono proprio i padroni di casa. Sotto 2-1 nel primo tempo (reti argentine di Peucelle e del ‘Filtrador’ Stabile, capocannoniere dell’edizione) troverà una grande rimonta nel secondo tempo, imponendosi 4-2.

Per ritrovare l’Albiceleste in una finale dei Mondiali occorre quindi fare un balzo in avanti di 48 anni. Nel 1978, infatti, l’Argentina, in un clima surreale per gli orrori del regime di Videla, sbaraglia la concorrenza del Brasile nella seconda fase grazie alla differenza reti favorevole per il rocambolesco 6-0 a spese del Perù, nelle cui fila gioca Quiroga, un portiere di origini argentine.

In finale la Selección deve vedersela con l’Olanda, che pur orfana di Cruijff, è un avversario alquanto insidioso. Kempes porta in vantaggio i sudamericani nel primo tempo, ma nel finale è Nanninga a trovare la rete che allunga la partita ai supplementari. Qui però lo strapotere fisico e agonistico dei padroni di casa, con beneficiano anche di un arbitraggio benigno dell’italiano Gonnella, ha la meglio: Kempes porta avanti i sudamericani con la doppietta personale, infine Bertoni chiude i giochi fissando il punteggio sul 3-1.

Otto anni più tardi, nel 1986, in Messico, l’Argentina conquista il suo secondo Mondiale. Protagonista assoluto è il fuoriclasse e capitano Diego Armando Maradona, mattatore del torneo, che trascina la Selección alla finalissima contro la Germania Ovest di Franz Beckenbauer. Brown e Valdano portano al doppio vantaggio l’Argentina nel primo tempo, ma nell’ultimo quarto d’ora la Germania Occidentale produce il massimo sforzo e trova le reti della rimonta con Rummenigge e Völler.

I tedeschi però sono sfiniti, e su azione di contropiede, Maradona, marcato a tutto campo da Matthäus, lancia con il contagiri Burruchaga, che anticipa Schumacher in uscita e segna il gol che consegna all’Albiceleste il secondo Mondiale della sua storia nel segno del Pibe de Oro, dominatore incontrasto della scena.

Quattro anni dopo, invece, a Italia ’90, il cammino dell’Argentina sarà più tortuoso. Dopo aver rischiato di uscire ai gironi, i sudamericani trovano però fiducia superando 1-0 il Brasile agli ottavi, poi la Jugoslavia ai rigori ai quarti di finale e l’Italia padrone di casa, sempre ai rigori, in semifinale. In finae c’è ancora la Germania Ovest. La gara dell’Olimpico è equilibrata e a deciderla, a sfavore della Selección, è un calcio di rigore trasformato con freddezza da Andy Brehme.

Passano 24 anni e nel 2014, in Brasile, è un altro numero 10, Lionel Messi, a portare l’Argentina a giocarsi i Mondiali. Avversaria dell’Albiceleste è nuovamente la Germania. I tedeschi però fanno il bis dopo il trionfo di Italia ’90. La Selección al Maracaña ha le occasioni migliori ma spreca, e nei supplementari Götze trova il varco vincente per l’1-0 che dà il titolo alla Die Mannschaft.

Nel 2022 Messi e compagni si guadagnano una seconda possibilità superando in semifinale la Croazia. Di fronte la Francia campione del Mondo in carica, in palio il terzo titolo mondiale della storia dell’Argentina, a cui il successo manca da 36 anni.

L’Argentina campione del Mondo: le formazioni

ARGENTINA 1978: Fillol; Olguin, Tarantini; Gallego, Luis Galvan, Passarella (cap.); Bertoni, Ardiles (65′ Larrosa), Luque, Kempes, Ortiz (74′ Houseman). Ct. Menotti

ARGENTINA 1986: Pumpido; Cuciuffo, Olarticoechea; Batista, Ruggeri, Brown; Burruchaga (89′ Trobbiani), Giusti, Enrique, Maradona (cap.), Valdano. Ct. Bilardo

Quanti Mondiali ha vinto l’Argentina Le partecipazioni della Selección

1930: 2° posto;

1934: Ottavi di finale;

1938: Ritirata;

1950: Ritirata;

1954: Non partecipante;

1958: Primo turno;

1962: Primo turno;

1966: Quarti di finale;

1970: Non qualificata;

1974: Secondo turno;

1978: Campione del Mondo;

1982: Secondo turno;

1986: Campione del Mondo;

1990: 2° posto;

1994: Ottavi di finale;

1998: Quarti di finale;

2002: Primo turno;

2006: Quarti di finale;

2010: Quarti di finale;

2014: 2° posto;

2018: Ottavi di finale;

2022: Finalista

L’articolo Quanti Mondiali ha vinto l’Argentina proviene da Calcio News 24.

Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG

feed

ultimo aggiornamento: 14-12-2022


La novità della serata: il Marocco subito sotto

Regragui Marocco: «Meglio la ripresa, ma il 2-0 ci ha condannato»