Queste le parole dell’ex allenatore Arrigo Sacchi che ha parlato alla Gazzetta dello Sport dei rossoneri del Milan.

Ecco le parole dell’ex tecnico del Milan, Arrigo Sacchi che ha parlato alla Gazzetta dello Sport proprio dei rossoneri: “Lo scudetto è stato un capolavoro, per il modo in cui è stato costruito attraverso le idee e il gioco e ripetersi non sarà semplice. Tuttavia quello deve essere l’obiettivo di una squadra come il Milan. Più dei singoli conterà il collettivo, com’è stato nello scorso campionato. E’ sarà fondamentale evitare la trappola del successo.

Aggiunge: “Tra le big il Milan è la squadra che pratica il gioco più europeo, però i ragazzi di Pioli devono imparare a stare più compatti, più corti. Non ci devono essere più di trenta metri tra l’ultimo difensore e l’ultimo attaccante: soltanto in questo modo si beneficia della sinergia tra reparti e si può arrivare all’interiorizzazione del gioco. E poi pressing, tato pressing: è la chiave del successo nel calcio moderno.” Conclude.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Milan

ultimo aggiornamento: 29-07-2022


Mkhitaryan: “Mourinho ha provato a convincermi a restare ma io voglio vincere”

José Mauri: “Scudetto Milan? do tanto merito a Paolo Maldini”