Zlatan Ibrahimovic

L’attore e conduttore radiofonico Enrico Silvestrin non ha nascosto la propria delusione per le affermazioni dello svedese.

Enrico Silvestrin ha parlato a Radio Rossonera delle dichiarazioni di Zlatan Ibrahimovic. “Non mi aspettavo una conferenza stampa diversa in quanto lui espressione della società. Ma da qui a capire che c’è la democrazia cristiana anche in Svezia non lo sapevo, è stata una bella sorpresa. Ci sono stati momenti comici come ‘Lopetego’ o ‘Pagìna’. Le cose che ha detto chiave sono che l’idea di calcio è quella di un gioco dominante e offensivo, con equilibrio, quindi credo che da questo punto di vista si riesca a migliorare. Con quelli che abbiamo e con il 4-2-3-1 non penso si possa trovare l’equilibrio, quindi sarà necessario un intervento sul mercato”.

Mike Maignan
Mike Maignan

I timori principali

Le cose più preoccupanti su cui si è espresso sono due: quando ha detto che Leao, Theo e Maignan restano categoricamente, salvo poi asserire che tutto è possibile facendo capire che possono partire a zero o essere venduti. Poi hanno detto di avere una lista di attaccanti e dobbiamo capire se questi profili tra loro si equivalgono”.

La scelta del tecnico

“L’allenatore è il migliore per la squadra che abbiamo, in contrapposizione con l’affermazione su Conte che avrebbe voluto giocatori diversi. Inoltre ha sottolineato l’abbassamento dell’età media, con i giocatori esperti che saranno sostituiti da altri giovani”.

La strategia comunicativa

“Anche l’affermazione sul non parlare se non si ha nulla da dire mi preoccupa, perché è un brutto segnale non aver nulla da dire. Sarebbe invece giusto scegliere che cosa comunicare, ma se la tifoseria invoca chiarezza, è giusto intervenire”.

L’articolo Silvestrin e le tante preoccupazioni derivanti dalla conferenza di Ibrahimovic proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 14-06-2024


WeBuild, Ferrari: “Il progetto San Siro è in fase avanzata, sarà pronto in 3 momenti diversi”

Padovan: “Fonseca Tanto valeva tenere Pioli, Conte è stato incontrato 2 volte, ecco perché non è stato preso”