Juventus | Andrea Agnelli: “Antonio Conte resta, abbiamo programmato il futuro”

In una riunione durata tre ore nella sede della Juventus Antonio Conte e la dirigenza bianconera hanno trovato l’intesa e hanno programmato il futuro.

Dopo tre ore di riunione, il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha annunciato che Antonio Conte resterà sulla panchina bianconera e che oggi l’allenatore e i dirigenti hanno “pianificato la stagione 2013-2014 per continuare a costruire”.

Solo queste per ora le dichiarazioni di Conte e Agnelli che si sono stretti la mano annunciando la loro intesa.

La fumata bianca è arrivata dopo un summit iniziato vero le 18 e terminato un po’ prima delle 21, quando il tecnico salentino ha raggiunto Andrea Agnelli, Giuseppe Marotta, Fabio Paratici, Pavel Nedved e Aldo Mazzia nella sede della Juventus in Corso Galileo Ferrari a Torino, subito dopo aver diretto l’allenamento a Vinovo.

La riunione tra Antonio Conte e la dirigenza bianconera

Poco prima delle ore 18 Antonio Conte è entrato negli uffici della sede della Juventus in Corso Galileo Ferraris a Torino dove sta discutendo del suo futuro con la dirigenza bianconera.

L’allenatore salentino è arrivato verso le 17:50 con la sua auto ed è chiuso in sede da oltre un’ora. Al centro della chiacchierata con i vertici societari gli obiettivi per il prossimo anno e le strategie di mercato.
Conte aveva già avuto un incontro con Andrea Agnelli a casa di quest’ultimo la settimana scorsa e mentre il tecnico lo ha considerato solo interlocutorio, il presidente è sembrato convinto di aver risolto già ogni divergenza risultando molto ottimista ai microfoni di Sky in un’intervista che invece Conte non ha voluto commentare.

Il mister è tornato a Torino ieri pomeriggio e ha poi partecipato alla mostra sui 90 anni del legame tra la famiglia Agnelli e la Juve, ma è sembrato molto freddo nei confronti del dirigente, perciò un incontro decisivo tra i due era atteso tra domani e venerdì, ma invece è stato evidentemente ritenuto urgente e anticipato già a oggi.

In riunione con Conte ci sono Andrea AgnelliGiuseppe Marotta, il direttore sportivo Fabio Paratici e Pavel Nedved, mentre Aldo Mazzia, amministratore delegato che si occupa del lato economico, è stato il primo a lasciare il vertice, segno che i soldi, evidentemente, sono il problema minore.

Antonio Conte e le sue richieste alla Juventus

Ora che la supremazia dentro i nostri confini è stato riconfermata, costruendo anche le basi per un possibile ciclo, per Antonio Conte, allenatore della Juventus, l’obiettivo primario è uno solo e non è neanche così tanto sconosciuto: replicare in Europa, i successi conquistati in Italia. In due parole: Champions League.

L’allenatore bianconero, però, è perfettamente conscio che la rosa attuale della Juventus, più che sufficiente per spadroneggiare in Italia, non può fare altrettanto nella massima manifestazione continentale. Per questo, Conte avrebbe già presentato le sue richieste alla società bianconera, pretese che giocherebbero un ruolo chiave per la permanenza dell’allenatore leccese sulla panchina dei Campioni d’Italia.

Il problema non sembra riguardare un ritocco d’ingaggio, tutt’altro: Conte vorrebbe due grandi acquisti per potenziare la rosa e il ruolo di manager all’inglese. L’incubo dell’allenatore, infatti, riguarda il tanto famigerato top player: nelle ultime sessioni di calciomercato, dopo un’affannata ricerca, sono arrivati Nicklas Bendtner e Nicolas Anelka, due giocatori che, allo scudetto appena conquistato, hanno dato un contributo praticamente pari allo zero.

Oltre ai big in entrata, che quest’anno dovranno essere addirittura due e non uno solo, Antonio Conte vorrebbe esprimere la sua opinione anche riguardo le cessioni e porre il veto più assoluto sul trasferimento di calciatori definiti indispensabili.

Tra le richieste di Conte, inoltre, ci sarebbe anche uno svecchiamento generale della rosa (con la cessione imminente di giocatori come Matri, Quagliarella, Vucinic o Giovinco, Marrone, De Ceglie, Lichtsteiner o Isla), la costruzione di una linea verde per cominciare a pensare al futuro in tempi ragionevoli e una modifica dello staff tecnico con l’inserimento di Giampiero Ventrone, preparatore atletico della Juventus di Marcello Lippi, che ha già lavorato con Conte al Bari.

Nei prossimi due giorni, i tifosi juventini avranno le prime risposte, informazioni attese anche da club esteri come Paris Saint-Germain e Monaco.

Conte, infatti, è molto corteggiato all’estero e questo non è affatto un mistero.

Foto | © Getty Images

I Video di Calcioblog

Ultime notizie su Allenatori

Tutto su Allenatori →