Calciomercato, Fabrizio Miccoli vicino al Melbourne Victory

L'ex attaccante del Palermo potrebbe trasferirsi in Australia.

Il futuro di Fabrizio Miccoli potrebbe essere lontano, ma decisamente molto lontano, dall'Italia. L'attaccante, che nel corso dell'ultima stagione ha vestito la casacca del Palermo retrocedendo in Serie B, per tentare di ripulirsi l'immagine dopo la brutta vicenda relativa alle accuse di estorsione e accesso abusivo a un sistema informatico, potrebbe trasferirsi addirittura nella lontana Australia.

A causa di questo episodio, infatti, Miccoli si è praticamente fatto terra bruciata intorno in Italia e anche a Lecce, sua squadra del cuore, la notizia di un suo probabile trasferimento ha fatto storcere il naso alla maggior parte dei tifosi. Sulla coscienza di Miccoli, infatti, pesano molto le intercettazioni shock nelle quali il giocatore si è lasciato andare a pesanti epiteti nei confronti del giudice Giovanni Falcone.

Dopo le voci mai confermate di un trasferimento anche all'Atalanta, Miccoli, 34 anni, potrebbe lasciarsi alle spalle le polemiche e vivere l'ultimo capitolo della sua carriera calcistica lontano dal nostro paese: il calciatore, infatti, starebbe trattando con il Melbourne Victory, una delle due squadre di Melbourne militanti nella A-League, il massimo campionato australiano.

Di conseguenza, Fabrizio Miccoli potrebbe diventare il secondo giocatore italiano, dopo Alessandro Del Piero, calciatore del Sydney, a sbarcare nella terra dei canguri.

La trattativa sarebbe già a buon punto e mancherebbero solamente gli ultimi dettagli da limare. Oggi si è consumato il primo incontro tra le due parti e per i prossimi giorni potrebbe essere fissato l'appuntamento decisivo.

Per quanto riguarda questo imminente trasferimento, Fabrizio Miccoli non ha voluto rilasciare nessuna dichiarazione.

Questa soluzione scelta da Miccoli ricorda molto la vicenda di Georgos Katidis, giocatore greco radiato dalla nazionale ellenica per aver fatto il saluto romano durante una partita: dopo i danni causati in patria, il greco si è trasferito in Italia, a titolo definitivo al Novara.

E' sufficiente cambiare paese per lasciarsi definitivamente alle spalle una brutta storia?

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: