Milan: è il giorno di Menez, Inzaghi prova a convincere Sacchi

Filippo Inzaghi

iperattivo per la nascita del nuovo Milan: in questi giorni il neo-tecnico rossonero ha effettuato veri e propri blitz per convincere personalmente alcuni nuovi acquisti e ieri è stato anche a cena con l’amministratore delegato Adriano Galliani e l’ex tecnico Arrigo Sacchi, che in primo momento pare abbia rifiutato un ruolo da dirigente. Si è conclusa così la prima giornata ufficiale di ‘Superpippo’ da allenatore del Milan: di buon mattino, il tecnico rossonero è stato avvistato presso la sede ufficiale di via Aldo Rossi. Al quarto piano Inzaghi ha raggiunto Adriano Galliani, con il quale si è parlato ovviamente di mercato, ma anche del nuovo staff.

Oggi sarà il giorno di Jeremy Menez: il fantasista francese sarà a Milano per svolgere le visite mediche di rito e presentarsi ai suoi nuovi tifosi. L’ex romanista si accaserà al Milan a parametro zero, esattamente come il suo ex compagno Alex. Nei prossimi giorni, invece, saranno definiti i riscatti di Rami e Taarabt, due che si sono meritati la conferma con sei buoni mesi sotto la guida tecnica di Clarence Seedorf.

inzaghi-galliani-sacchi

Quanto allo staff, da ieri c’è la conferma che Alfredo Magni sarà il nuovo preparatore dei portieri: come riporta la ‘Gazzetta dello Sport’, il Milan lo ha strappato al Brescia e sa di essersi assicurato uno dei top in circolazione. Tanto per intenderci, Magni ha lanciato portieri come Nicola Leali, oggi di proprietà della Juventus, Alessio Cragno e Stefano Gori (‘96), prelevato proprio dal Milan lo scorso mese di gennaio. Insomma, la squadra di Inzaghi per il rilancio del Milan è quasi pronta: Tassotti e Tognaccini hanno già detto sì, resta da convincere Arrigo Sacchi, al quale è stato offerto da tempo un contratto come supervisore del settore giovanile. Il primo approccio non è andato a buon fine, ma ieri sera Galliani e Inzaghi sono tornati alla carica.

  • shares
  • Mail