Luisao, il Benfica alla Juventus: "Se continuate a trattare con il suo agente vi denunciamo alla Fifa"

Secondo il regolamento Fifa un club non può intavolare una trattativa prima col giocatore e poi con il club con il quale è tesserato

Si sarebbe mosso in prima persona il presidente del Benfica. Luis Filipe Vieira avrebbe firmato una furiosa lettera indirizzata alla Juventus, nella quale il club portoghese diffida la società bianconera a continuare la trattativa con l'agente di Luisao.

Da qualche giorno le indiscrezioni di mercato raccontano dell'interesse della Vecchia Signora nei confronti del difensore brasiliano, di passaporto portoghese, oggi tesserato con il Benfica. Secondo quanto riferito oggi dal quotidiano portoghese O Jogo, che cita fonti interne al Benfica, nella missiva sarebbe scritto:

Se non interromperete subito le comunicazioni con l'agente del difensore Luisao, il prossimo passo del Benfica sarà quello di presentare una denuncia alla Fifa, ai sensi del paragrafo 3 dell'articolo 18 del regolamento Fifa secondo il quale un club che desidera tesserare un giocatore professionista deve trattare prima con il suo club, presentando anche una richiesta per iscritto, e poi può entrare in trattativa con il giocatore.

Stando a O Jogo, da Torino sarebbe già arrivata la risposta, con la smentita della trattativa e dell'interesse verso il calciatore. Il quale, nei giorni scorsi, era stato definito incedibile dal Benfica stesso.

La sensazione è che qualunque sia la verità (le due versioni, evidentemente, al momento non corrispondono) difficilmente Luisao - il cui contratto scade nel 2016 (mentre ad oggi sarebbe valutato dal Benfica almeno 4 milioni di euro) - la prossima stagione vestirà la maglia della Juve, che quindi dovrà individuare un altro obiettivo per garantire ad Allegri la solidità difensiva, considerati anche i guai fisici di Barzagli.

Intanto, però, in corso Galileo Ferraris si vogliono evitare eventuali guai di natura più giuridica.

Juventus v SL Benfica - UEFA Europa League Semi Final

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail