Roma, tutto dipende da Benatia: accordo con Manolas e pista Coates

Tra Roma e Bayern Monaco ballano 10 milioni di euro nella possibile operazione che porterebbe in Baviera il difensore marocchino Mehdi Benatia. Sembrano tantissimi, ma in realtà sono pochi perché ciò che potrebbe fare la differenza sono i cash (senza dilazioni) che il Bayern sarebbe pronto a mettere sul piatto (circa 28 milioni di euro) e la possibilità concreta che adesso Walter Sabatini abbia in mano i sostituti, sì più di uno, al centro della difesa e quindi al fianco dei "mancini" Castan e Astori per completare così il reparto a disposizione di Rudi Garcia.

Tutti sanno che il tecnico ha una predilezione per Masa del Lille, ma la Roma non vuol farsi trovare impreparata in nessun caso viste anche le resistenze messe in opera dalla società transalpina. In tanti hanno altrettanto capito che il fronte relativo al greco Manolas è aperto, davvero a un passo dal buon fine, segno evidente che la gerarchia per il dopo Benatia (uno che per capirsi sta col muso ormai da giugno scorso) è piuttosto chiara. Crollano di conseguenza le candidature del colombiano Balanta e del rumeno Chiriches.

La notizia logica è però un'altra: la Roma pensa a due difensori, non uno. Ecco perché allora si registrano nuovi contatti con il Liverpool per l'eventuale prestito oneroso a 1,5 milioni del colosso uruguaiano Sebastian Coates, giocatore per cui però il Sunderland sembra in vantaggio perché gli garantirebbe anche un posto da titolare, fattore che interessa molto anche al Liverpool che vorrebbe rivalutare il giocatore.

International Champions Cup 2014 - AS Roma v FC Internazionale Milano

  • shares
  • Mail