Xabi Alonso, addio alla Nazionale e al Real: accordo col Bayern Monaco

Trattativa lampo del Bayern Monaco che chiude per Xabi Alonso: il basco lascia il Real Madrid (e la Nazionale) per accasarsi alla corte di Pep Guardiola per due stagioni.

Ha giocato (e perso) la Supercoppa di Spagna contro l’Atletico Madrid, per Xabi Alonso è stata una settimana intensa che oltre alla delusione sul campo lo ha portato a stravolgere la sua vita con una doppia decisione che ha del clamoroso. Solo mercoledì dava un po’ a sorpresa l’addio alla Nazionale delle Furie Rosse dopo 114 presenze e 16 gol (“Metto fine a una gloriosa avventura iniziata oltre undici anni fa; la cosa più difficile è capire quando è giunto il momento di dire addio e, dopo averci pensato molto, credo che quel momento sia arrivato” le parole del centrocampista in merito), ieri l’ennesimo colpo di scena: dopo una trattativa lampo e a fari spenti, il basco si è trasferito al Bayern Monaco lasciando dunque il Real Madrid dopo cinque stagioni.

L’infortunio di Javi Martinez ha accelerato l’affare, coi bavaresi desiderosi di regalare a Pep Guardiola un regista in grado di prendere in mano le chiavi del centrocampo della sua squadra; dopo aver bussato alla porta del Real Madrid, avendo per altro l’assenso del giocatore a cui sono stati offerti circa 7 milioni per un paio di stagioni, alla fine il Bayern l’ha spuntata per una cifra intorno ai dieci milioni di euro, non pochi per un 33enne che ha dato tantissimo tra Real Sociedad, Liverpool e appunto Real.

Poco male, il direttore finanziario del club Jan-Christian Dreesen ha rivelato che “entro due giorni chiuderemo“, mentre il direttore sportivo dei campioni di Germania, l’ex Pallone d’Oro Mathias Summer, ha spiegato:

“E’ un giocatore che porta grande qualità nell’immediato. Penso che possa essere in grado di giocare almeno due stagioni ai massimi livelli”.