Cerci all'Atletico Madrid, è praticamente fatta

Solo ieri Urbano Cairo aveva rivelato di esser tentato di togliere Alessio Cerci dal mercato (come ha la Fiorentina con Cuadrado), forse proprio per questa sua dichiarazione alla fine l'Atletico Madrid ha rotto gli indugi e ha accettato di corrispondere al Torino la cifra di 16 milioni di euro (più tre di bonus) per assicurarsi le prestazioni dell'"Henry di Valmontone": pare che nell'accelerata dei colchoneros, che hanno così superato la concorrenza di Arsenal e Milan, ci sia un fondo di investimento britannico che ha dato una mano al club madrileno per regalare a Diego Pablo Simeone il giocatore agognato per una estate intera. Cerci avrà dunque la possibilità di giocare in Champions League, curiosamente tra le altre contro la Juve.

Già il 18 agosto scorso Cerci aveva twittato esplicitamente di esser diventato un calciatore dell'Atletico Madrid, salvo poi cancellare il cinguettio dando la colpa a un hacker che si era infiltrato nel suo account; questa volta è invece tutto vero: domani sarà atteso a Madrid per apporre la sua firma su un contratto quadriennale a 2,5 milioni a stagione, il tutto come ovvio dopo le visite mediche di rito. Tutti felici dunque, anche se ora il Torino dovrà rompere gli indugi e fiondarsi sul mercato per acquistare un giocatore offensivo; non necessariamente un clone dell'ex romanista, ma comunque uno che la butti dentro dopo gli addii dei gemelli del gol Cerci e Immobile: in pole c'è il napoletano Duvan Zapata.

Torino FC v Parma FC - Serie A

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail