Raiola: “Balotelli non torna in Italia, Pogba pallone d’oro”

Mino Raiola, agente di Balotelli, Pogba e Ibrahimovic, ha parlato di calciomercato e non solo ai microfoni de “La Politica nel Pallone” su Gr Parlamento

Mario Balotelli non tornerà in Italia: nel suo futuro c’è solo la Premier League. Parola di Mino Raiola, agente italo-olandese dell’attaccante italiano. Considerato il vero e proprio re del mercato, Raiola ha al momento nella sua scuderia alcuni dei calciatori più quotati a livello mondiale, tra cui Supermario, Zlatan Ibrahimovic, Paul Pogba e tanti altri giovani emergenti che saranno i campioni di domani. Il più chiacchierato è senza dubbi Balotelli, che anche lo scorso weekend ha fatto arrabbiare i tifosi del Liverpool, poiché è stato avvistato ad un incontro di boxe, nonostante sia infortunato e inutilizzabile dal suo club di appartenenza.

Fin qui Balotelli non ha mai inciso in Inghilterra e pare che sia i sostenitori dei ‘Reds’, sia i compagni, ne abbiano già abbastanza delle sue bizze. È invece ottimista Raiola, che nega qualsiasi possibilità che ‘Supermario’ torni in Italia, nonostante sia accostato insistentemente all’Inter di Roberto Mancini:

“Un ritorno all’Inter? Impossibile. Non per Mancini ma per altre ragioni di cui non vale la pena parlare. Nemmeno Napoli. Mario non torna in Italia. Gli mancano i gol – aggiunge – , non gli gira bene ma è un momento che deve passare. Sta facendo il suo, adesso ha questo infortunio e speriamo di risolverlo al più presto. Il rapporto con la squadra? È perfetto, i giornalisti inglesi non devono far parte della sua vita”.

I maligni hanno parlato di un finto infortunio e che sarebbe stato allontanato dal ct Antonio Conte per scarso impegno. Ipotesi scartata seccamente da Raiola:

“Non è vero che Mario ha finto un infortunio nell’ultimo raduno della Nazionale, i rapporti con Conte sono buonissimi. Il c.t. non è lì per cambiare Mario e su questo siamo d’accordo: se il giocatore si comporta bene, può essere un valore aggiunto per la Nazionale, punto. Poi su Mario si parla sempre tanto, per creare scandali dove non esistono”.

Representative for Barcelona's Swedish f

Raiola e il futuro di Pogba

Paul Pogba, invece, finisce sulle prime pagine dei giornali per le sue prodezze con la maglia della Juventus e della nazionale francese. Il centrocampista ha di recente prolungato con la Vecchia Signora, ma le voci di un interesse del Real Madrid continua a circolare da giorni: le Merengues avrebbero pronte 50 milioni di euro già da spendere a gennaio per assicurarsi Pogba. Le possibilità che cambi maglia, però, sono prossime allo zero:

“Pogba è una stella mondiale ormai e la Juventus è forte abbastanza per trattenerlo per lungo tempo e per questo abbiamo rinnovato, anche se è difficile trattenere le stelle, non per la Juve ma per il campionato italiano. È un grande professionista. Vedo in lui le stesse caratteristiche di Ibrahimovic o Nedved, forza mentale e fisica, talento, senso di sacrificio. Vincerà più di un Pallone d’Oro. La Juve ha rifiutato due offerte importanti. I rapporti con la Juve sono ottimi, almeno fino a quando non c’è niente sul tavolo”.

Nonostante alcune voci circolate in estate, non tornerà in Italia nemmeno Zlatan Ibrahimovic, mentre per il futuro, Raiola ha diversi nomi da consigliare alle big del campionato italiano:

“Ibra in Italia? Non credo, lui decide di anno in anno, da come si sente e da cosa c’è sul tavolo come progetto, per adesso sta a Parigi. Ricardo Kishna dell’Ajax è allo stesso livello di Pogba: fa gol, è un attaccante molto completo, ha talento e fisico e una valutazione ancora abbordabile per le italiane. Come si risolleva il calcio italiano? Bisogna decidere se stare alla fine della linea di produzione o dentro e allora cercare calciatori con profilo diverso, giovani con grandi margini di miglioramento”.

I Video di Calcioblog