Sampdoria scatenata, Ferrero: “Ho pagato tanti soldi per essere i migliori”

Sampdoria scatenata sul mercato, Ferrero prende anche Spolli, Paletta e Marrone e twitta: “Speso tanti soldi per essere i migliori”.

E’ una Sampdoria letteralmente scatenata, la vera sorpresa del campionato sul campo e fuori: il ds Carlo Osti, con l’assenso di Massimo Ferrero, sta conducendo un mercato invernale col piede a tavoletta sull’acceleratore, un nugolo di operazioni tanto in entrata quanto in uscita, trattative lampo, contratti e documenti, giornate frenetiche per Sinisa Mihajlovic che accoglie e saluta nuovi e vecchi tesserati, e poi i tifosi in visibilio, una rivoluzione che ha il chiaro intento di migliorare una squadra che all’improvviso si è ritrovata a lottare per il terzo posto. Devono averlo capito Ferrero e i suoi uomini di fiducia: battere il ferro finché è caldo perché i blucerchiati in queste 20 partite di campionato hanno veleggiato molto oltre le loro reali possibilità tecniche, sospinte dal lavoro del tecnico e dall’abnegazione, tutta difesa arcigna e polmoni d’acciaio degli interpreti in campo.

Facciamo un secondino il punto della situazione, partendo da chi la Samp ha ceduto: Gabbiadini si è accasato al Napoli per 13 milioni (da spartirsi con la Juve), Fedato in prestito al Modena, il difensore Fornasier al Pescara sempre a titolo temporaneo, quindi con Pantaleo Corvino è stato aperto un discorso ampissimo che ha portato a Bologna ben quattro calciatori blucerchiati, cioè il portiere Da Costa e il capitano e stopper Gastaldello, entrambi a titolo definitivo, oltre a Krstcic e Sansone, per loro invece si tratta di un prestito con diritto di riscatto a favore dei felsinei. E non è finita qua perché sulla lista dei partenti last-minute potrebbero esserci anche Marchionni (Empoli e Cesena) e Bergessio (Lazio), tutti e due poco convinti di lasciare Genova. Ma passiamo agli acquisti, ben più importanti e roboanti, tanto che oggi il presidente Ferrero ha scritto questo tweet:

Le ufficialità sono note: Joaquin Correa, baby argentino di professione centrocampista pagato 8 milioni all’Estudiantes, Eto’o arrivato a zero dall’Everton (che risparmierà sull’ingaggio e guadagnerà qualcosa in caso di determinati obiettivi raggiunti dal camerunense in blucerchiato), poi i prestiti con diritto di riscatto del portiere Frison (Catania), Coda e Muriel (Udinese). Ma è tutto fatto anche per Spolli che Mihajlovic aveva già avuto a Catania e per Marrone dalla Juve, mentre dal Parma dovrebbe non essere difficile ottenere Acquah e Paletta, in odore di trasferirsi al Ferraris prima del week-end. Finita qua? Sintonizzandosi sulle frequenze di radiomercato pare proprio di no perché Osti sta lavorando anche per la prossima stagione: i nomi sul taccuino sono quelli di Baselli (offerti 5 milioni all’Atalanta), Ibarbo e Murru del Cagliari, infine Moisander dell’Ajax.

Miracolo Sampdoria, Ferrero stupisce tutti. Durerà?