Il Parma perde un altro pezzo: Rodriguez al Gremio

Il Parma torna a giocare (e a fare punti), ma perde un altro pezzo: dopo le fughe dei mesi scorsi, anche Cristian Rodriguez lascia i Ducali dopo essere stato “sedotto e abbandonato” dalla dirigenza gialloblu. §Il calciatore uruguayano, sbarcato in Italia in prestito dall’Atletico Madrid, si era detto molto deluso nei giorni scorsi, quando ha affermato di essere venuto al Parma all’oscuro di qualunque problema societario. Secondo quanto riferisce ‘Sky Sport’, domani sarà il giorno dell’addio: dopo aver ottenuto l’OK del Parma, Rodriguez prenderà un volo per il Brasile, dove andrà a vestire la maglia del Gremio.

Nonostante lo 0-0 ottenuto oggi contro l’Atalanta, dunque, la situazione in casa Parma rimane sempre molto incerta. Roberto Donadoni, nel post-partita ha affermato di non poter mettere da parte ciò che sta accadendo a livello societario, ma lui e i suoi ragazzi saranno professionisti fino in fondo. Non è dello stesso avviso Cristian Rodriguez, che dopo essere rimasto a secco di stipendi, ha preferito cambiare aria. Parlando a ‘Globoesporte’, l’uruguagio ha confermato che per il trasferimento al Gremio manchi davvero poco: "Ho ottenuto il via libera del Parma e l'approvazione dell'Atletico Madrid".

> on January 23, 2015 in Collecchio, Italy.

Dopo essere finito ai margini del progetto di Simeone, Rodriguez era venuto in Italia per giocare e mettersi in mostra in vista di una convocazione per la Copa America della prossima estate. I problemi societari, però, lo hanno convinto il giocatore a cambiare aria, anche se prima di poter vestire la maglia del Gremio, dovrà ottenere un nulla osta da parte della Fifa, visto che ha già giocato per due squadre in questa stagione, ossia Parma e Atletico Madrid. Secondo i regolamenti vigenti, Rodriguez non potrebbe vestire una terza maglia: inoltre, l’uruguayano potrebbe subire una lunga squalifica poiché nel finale di Atalanta-Parma ha strattonato l’arbitro Di Bello che gli aveva appena sventolato il doppio giallo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail