Calciomercato Inter: quattro cessioni per due acquisti

Sarà un’estate difficile per l’Inter di Roberto Mancini, le cui operazioni di calciomercato saranno rese particolarmente complicate dalla mancata qualificazione in Champions League e dalle sanzioni Uefa per le violazioni del Fair Play Finanziario. Come hanno evidenziato in più occasioni il dt Ausilio e il dg Fassone, si potrà comprare solo se ci saranno delle cessioni, e magari se Walter Mazzarri, ancora a libro paga di Thohir, trovasse una nuova squadra sollevando le casse nerazzurre di qualcosa come 7-8 milioni lordi.

Secondo i calcoli effettuati dalla ‘Gazzetta dello Sport’, a fine stagione l’Inter potrebbe ritrovarsi un tesoretto di oltre 25 milioni netti, soldi che potrebbero essere investiti nel mercato in entrata per acquistare due calciatori da tempo nel mirino del club milanese. Stiamo parlando dei difensori Dragovic e Vida, protagonisti assoluti con la maglia della Dinamo Kiev. Per assicurarseli “a pacchetto”, Piero Ausilio avrebbe già fatto una proposta preliminare compresa tra 15 e 18 milioni. Ma dove troverebbe i soldi il dt nerazzurro?

FBL-EUR-C3-DYNAMO-KIEV-EVERTON

Innanzitutto c’è un tesoretto da incassare per la cessione dell’argentino Ricky Alvarez: il fantasista si è trasferito al Sunderland in prestito con riscatto obbligato ad 11 milioni nel caso in cui il club non retrocedesse dalla Premier League. La dirigenza nerazzurra, ovviamente, fa il tifo per i biancorossi e Aspetta di incassare anche qualcosa dalle cessioni a titolo definitivo di Pereira, Schelotto e Mbaye, che non torneranno di sicuro alla base, non rientrando nel progetto di Mancini. E attenzione, perché i risultati molto deludenti di Roberto Mancini, con la sua media punti nettamente inferiore a quella di Walter Mazzarri, hanno rivalutato proprio il lavoro del tecnico toscano, che in queste settimane sta girando per i ritiri di diversi top club.

Dopo aver fatto visita a Real Madrid e Barcellona, Mazzarri è in attesa di una chiamata importante: piace alla Roma in caso di addio di Rudi Garcia, ma non è detto che non vada ad allenare all’estero. In caso contrario, l’Inter proporrà una rescissione contrattuale con tanto di buonuscita per evitare di pagargli un altro anno di stipendio.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail