Allegri alla vigilia di Bologna-Juventus: “Dybala? Difficile giochi”

Massimiliano Allegri ha dato indicazioni sulla formazione alla vigilia di Bologna-Juventus: seconda panchina consecutiva per Paulo Dybala

Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta di Bologna. I bianconeri si presenteranno al Dall’Ara senza diversi indisponibili e senza Paulo Dybala, che almeno inizialmente si accomoderà in panchina.

“Difficile che giochi. Devo vedere come stanno tutti. Anche in passato sono stati fuori dei grandi campioni come Pirlo, Pogba e Vidal. Quello che è stato fatto, rimane, poi bisogna rimettersi sempre in gioco. Certi discorsi mi danno anche un po’ fastidio”.

Allegri ammette di non aver ancora deciso il modulo, dal quale dipenderanno anche alcune maglie da titolare: a centrocampo ci sarà spazio per Marchisio solo in caso di linea a tre.

“Pjanic sta bene – continua – , Cuadrado sarà disponibile per la Roma, Chiellini rientrerà con la squadra in settimana, Buffon ha un problema al polpaccio e va valutato di giorno in giorno. Pjaca – anticipa – è recuperato ed è convocato, Lichtsteiner sta bene. Alex Sandro? Ora sta meglio sia fisicamente che, soprattutto, mentalmente. Con il Bologna gioca titolare. Tutti non possono giocare, senza Cuadrado ho uno in meno davanti. Marchisio dipende dal centrocampo: se sarà a due o a tre”.

L’importante sarà non sottovalutare il Bologna, squadra tradizionalmente ostica per la Juventus. “A Bologna per la Juve è sempre difficile. Bisogna fare una gara solida, tecnica, agonistica e tattica, altrimenti buttiamo a mare quanto fatto con Napoli e Inter”.

Infine, Allegri si toglie qualche sassolino dalla scarpa appena gli viene chiesto del Var: negli ultimi giorni le polemiche sono state furiose. Qualcuno dalle parti di Torino lo aveva predetto…

“Io dicevo che bisogna decidere bene quando usarla. Altrimenti invece dell’arbitro si critica la Var, poi l’altro arbitro etc. Io avevo detto che a marzo c’era il rischio di utilizzarla troppo, e invece ci siamo arrivati a dicembre. Detto questo, è stata molto utile per evitare alcuni errori. La cosa più importante è comunque accettare le cose che succedono”.

Ultime notizie su Allenatori

Tutto su Allenatori →