L’ex calciatore Sergio Aguero è stato costretto al ritiro dal calcio per colpa di problemi cardiaci manifestatisi solo pochi mesi fa; l’argentino ha raccontato la sua esperienza in diretta su Twitch“Ho un chip al cuore che di notte lancia luci colorate: sembro Ironman. Quando mi sono dovuto fermare, pensavo che non fosse niente di grave e che sarebbe andato tutto bene. Ma quando sono arrivato in ospedale e mi hanno lasciato in una stanzetta da solo con un gruppo di monitor intorno a me, ho capito che qualcosa non andava. E dopo due giorni in ospedale ho iniziato a innervosirmi”.

“Sono stato ricoverato in un altro ospedale. Dopo gli esami e l’intervento, mi è stato comunicato che non avrei più potuto giocare. Sono andato ad Abu Dabi per distrarmi un pò e il giorno in cui ho comunicato il mio addio ero tranquillo. Poi una volta entrato allo stadio e dopo aver visto la sedia con il mio nome sono crollato. Ho abbracciato il presidente Laporta e sono uscito. Non volevo farmi vedere mentre piangevo. Laporta mi ha convinto a rientrare e a parlare. Una volta seduto, davanti ai cronisti è stato tutto più facile e mi sono rilassato”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 08-02-2022


Eriksen: “Sto bene, è ora di dimostrare che posso essere ancora un calciatore”

Kulusevski: “Non so cosa non abbia funzionato alla Juve, la Premier è un altro sport”