Il portiere del Bodo Glimt prepara la sfida contro la Roma nel match di Conference League. Queste le parole di Haikin.

Bodo Glimt, Haikin parla in vista della sfida contro la Roma nel match di Conference League, inizia parlando della sua carriera a soli 26 anni: “Prima del Bodo Glimt ho trascorso due stagioni nel campionato israeliano. È stata un’esperienza vitale, ma non me la sentivo più rimanere lì. Per trovare un club nell’Europa Centrale ci è voluto molto tempo. Ho fatto più provini: nei club della League Two in Inghilterra, Russia, Olanda, ma ovunque la risposta è stata un “no”. Al Bodo stavano cercando un secondo portiere e dopo una settimana di prova mi è stato offerto un contratto di un anno. Il resto è storia.”

IM_pallone_serie_A_2020
IM_pallone_serie_A_2020

Il portiere parla dei suoi idoli: “Sin da ragazzo ho sempre ammirato Cech. Per me è stato un esempio incredibile. Anche la scuola italiana dei portieri è una delle migliori al mondo, penso a Buffon, Donnarumma e molti altri. Ho avuto la fortuna di giocare contro Donnarumma, è stata una bella esperienza.”

Conclusione sul 6-1 contro la Roma: “Penso che sia un ottimo sorteggio. Noi li conosciamo, loro conoscono noi. Anche se hanno aggiunto nuovi calciatori. Noi abbiamo perso Botheim e Berg, ma non esistono giocatori insostituibili e il nostro DNA è rimasto lo stesso.”

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 06-04-2022


Europa League: il programma dei quarti di finale

Atalanta, Gasperini: “Siamo pronti ad affrontare questo quarto di finale”