Il difensore del Torino Gleison Bremer ha raccontato alcuni aspetti della sua carriera e della sua crescita come calciatore.

Lunga intervista di Gleison Bremer ai canali ufficiali del Torino; eccone alcuni estratti. “Quando sono arrivato a Torino mi sono concentrato sull’imparare l’italiano per capire cosa vuole l’allenatore. Con Mazzarri e Claudio Nitti ho imparato a difendere sull’uomo e a giocare il pallone con velocità: mi fermavo spesso dopo l’allenamento per continuare a lavorare per migliorare”.

Andrea Belotti
Andrea Belotti

Il mister mi diceva di avere pazienza e che sarebbe arrivato il mio momento: aveva ragione, visto che ora ho l’onore di essere il vice capitano ed indossare spesso la fascia quando il Gallo Belotti non c’è. Anche Sirigu mi è stato di grande aiuto: mi ha rincuorato sempre quando non giocavo. Ora sono cresciuto sia mentalmente che calcisticamente, mi sento pronto per affrontare tutti i grandi attaccanti che ci sono in Serie A. La Nazionale brasiliana è un mio sogno: sto dando il mio massimo per andare al Mondiale in Quatar. Sento che vengo spesso accostato alla Selecao, e quando arriverà il mio momento mi farò trovare pronto“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 09-03-2022


L’Inter perde De Vrij e Brozovic per infortunio

Calabria: “Ringrazio Mihajlovic che volle la mia permanenza, ora sono nel pieno della carriera”