(Real Zaragoza)” thumb=”” url=”http://www.youtube.com/watch?v=onD6sPhnKmk”]

Dopo l’infortunio a Rafael, il Napoli corre ai ripari tesserando Toni Doblas, 34enne estremo difensore spagnolo, che ieri ha superato le visite mediche presso il centro sportivo azzurro di Castelvolturno. Subito dopo i controlli medici di ruotine, il nuovo portiere del Napoli ha apposto la firma sul contratto che lo legherà alla società di Aurelio De Laurentiis fino a giugno. Disoccupato dallo scorso mese di luglio, Doblas ha potuto firmare con il Napoli nonostante il mercato fosse finito da quasi un mese, proprio per il suo status di svincolato.

Il portiere spagnolo è stato scelto, manco a dirlo, da Rafa Benitez, che ha chiesto alla società partenopea di correre ai ripari dopo il grave infortunio patito da Rafael, che verso la fine del primo tempo della gara di andata contro lo Swansea, ha riportato la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Stagione finita per il brasiliano e visto che Reina non è al meglio, Benitez non se l’è sentita di affidarsi eventualmente a Colombo, classe 1975 e al Napoli come terzo portiere da tre stagioni. L’ultima volta che Roberto Colombo è sceso in campo, è stato nel 2011 in serie B con la Triestina.

Toni Doblas rappresenta una soluzione tampone ed è stato scelto da Benitez per la sua esperienza. La carriere  dell’estremo difensore iberico è trascorsa principalmente tra Betis Siviglia e Real Saragozza, con due parentesi con Huesca e Xerez.  A gennaio del 2013 aveva firmato con il club azero del Khazar Lenkoran, ma il luglio successivo, in seguito alla sconfitta per 8-0 contro il Maccabi Haifa nei preliminari di Europa League, ha portato alla risoluzione consensuale del rapporto. Ora l’avventura a Napoli, per la quale Doblas spera in un finale migliore, per chiudere magari la carriera magari alzando al cielo un trofeo.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG


Nuovo stadio della Roma, Pallotta rivela: “Niente di simile in Europa”

“Se segni a Juve e Inter non giochi più in una grande squadra”: parola di Rizzitelli