Il difensore della Juventus Giorgio Chiellini parla anche di come è cambiato il suo approccio alle partite e agli attaccanti avversari.

Lunga intervista del Times a Giorgio Chiellini che rivela alcuni aspetti della sua carriera e qualche aneddoto sulla finale dell’Europeo. “La Champions è qualcosa che mi manca e che alla Juve manca dal 1996. Ci siamo andati molto vicini, ci proviamo ogni anno, ma è un torneo dove non sempre vince la squadra migliore. Negli ultimi tre anni siamo stati eliminati da Porto, Lione e Ajax. Non possiamo essere soddisfatti. Quest’anno possiamo provare a vincerla. Loro avevano molta più pressione di noi e a volte la pressione ti dà energia, ma a volte è un ostacolo. Noi abbiamo percepito questa paura. Forse non paura… Ma il loro nervosismo, la loro tensione“.

Nazionale italiana
Nazionale italiana

Quando ero più giovane ero più ‘acceso’, avevo bisogno di un nemico e non avevo un buon rapporto con gli altri attaccanti. Adesso invece mi piace parlare con loro durante le partite, mi piace condividere sensazioni e discutere di ciò che sta succedendo durante un match. Con loro scherzo anche, a volte. Non sono aggressivo: adesso il ‘nemico’ non è un nemico, ma un amico che gioca contro di me, e ho capito che se non disperdo le mie energie ‘combattendo’ come facevo prima, potevo diventare più lucido e più concentrato. Così le mie prestazioni sono migliorate“. 

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 13-03-2022


Donnarumma: “Eliminazione brutto colpo ma ora dobbiamo vincere il campionato”

Ancelotti: “Battere il PSG è stato molto importante ma non bisogna mai fermarsi”