L’ex presidente della Juventus Giovanni Cobolli Gigli ci va giù pesante col vicepresidente della Juventus Pavel Nedved ma elogia Massimiliano Allegri.

Giovanni Cobolli Gigli ha rilasciato alcune dichiarazioni che faranno discutere a 1 Station Radio “Io apprezzo molto Allegri. Per fare l’allenatore, in generale, ci vogliono gli attributi e per farlo alla Juve ancora di più. E’ una persona matura, ha la capacità di non voler fare polemica. Gli altri cercano sempre scuse inimmaginabili, lui è sempre tranquillo e si lascia scivolare tutte le critiche addosso. Il futuro? Ha un contratto di 4 anni, teniamocelo e continuiamo con lui senza criticarlo sempre appena perde una partita. Del resto mandarlo via obbligherebbe a pagargli la buonuscita che sarebbe pesantissima”.

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

Contro l’Inter mi aspetto di vedere lo stesso impegno visto in semifinale e che l’allenatore possa usare le stesse ‘strategie’. In campionato purtroppo paghiamo la sconfitta contro l’Inter, dove tutto sommato avevamo giocato bene. Sarebbe bello che il destino ci ‘ripagasse’ con la vittoria in Coppa Italia. Io ricordo Nedved come uno dei più grandi giocatori mai visti, è stato bellissimo gestirlo, ma adesso credo che ricopra una posizione sbagliata in dirigenza, perchè conosciamo il suo carattere. Evidentemente, il signor Agnelli, lo vuole tenere e se lo tenga. Non possiamo fare altro. Dovrebbe essere dirottato nell’area tecnica, anche se è noto che non gradisca Allegri. Del resto io ho sempre detto che il calo della Juventus è coinciso con due scelte: l’acquisto di Ronaldo e, contestualmente, l’addio di Marotta che non concordava con questo affare. Marotta è un grande dirigente che portava grande qualità alla Juventus, a prescindere o no dalle capacità di Agnelli”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 22-04-2022


Maccarone: “Vedrei bene Berardi al Napoli e confermerei Mertens”

Sorrentino: “Napoli venuto meno nel momento decisivo, Meret è molto forte”