Il presidente della Lega Pro, Ghirelli, scrive una lettere per proporre una riforma della Coppa Italia, che si apra anche alle categorie inferiori

Il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, ha scritto una lettera ai suoi colleghi di Serie A e B, Casini e Balata per trovarsi e discutere alcune riforme. Si va dai diritti tv alla distribuzione delle risorse fino ad un nuovo format sulla Coppa Italia. Di seguito i punti salienti della lettera sulla coppa nazionale.

CORAGGIO DI RIFORMARE – «Dobbiamo avere il coraggio di innovare, cambiare. Così come dobbiamo avere il coraggio di riformare la Coppa Italia. Questa competizione, oggi, non consente ai club dei diversi campionati di A, B, C e D di competere, se non in misura estremamente ridotta. Non c’è una solidarietà poiché per concorrere alla divisione delle risorse economiche occorre attraversare diversi passaggi di qualificazione».

FORMULA – «Abbiamo esempi lampanti di quale tipo di coppa Nazionale funzioni, sia in termini di attrattiva verso il pubblico, sia in termini di solidarietà verso il sistema che di ritorno economico verso il tessuto sociale. La riforma deve prevedere:
formula all’inglese Davide contro Golia;
maggiore e più equa suddivisione delle risorse finanziarie;
partita unica giocata nello stadio del club meno forte;
organizzazione a carico di FIGC, che deve essere ente garante
».

L’articolo Coppa Italia, la proposta di Ghirelli per un nuovo formato proviene da Calcio News 24.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

feed

ultimo aggiornamento: 12-11-2022


Spagna, Pedri: «Luis Enrique potrebbe dirti di gettarti da un burrone… e lo farei!»

Convocati Fiorentina: le scelte di Italiano per il Milan